Festa di tradizione a Parabita per l’incoronazione del monolito della Madonna della Coltura

Ospite mons. Gjergj Meta, della diocesi albanese di Rrëshen, il più giovane vescovo cattolico del mondo

1581

Parabita – Definito il calendario degli appuntamenti religiosi e civili per il 70° anniversario dell’incoronazione del monolito della Madonna della Coltura. Quella del prossimo 4 maggio sarà una data da ricordare anche perchè quest’anno l’evento coincide con la festa liturgica che, come tradizione, si svolge 15 giorni dopo Pasqua.

Dall’1 al 3 maggio prossimi, presso la basilica avrà inizio alle  ore 19, il triduo di preparazione alla festa. Nel corso di queste serate lo spazio sarà riservato all’accoglienza dei nuovi iscritti alla Compagnia della Coltura, mentre per le celebrazioni si alterneranno i parroci delle tre parrocchie parabitane.

Come avvenne 70 anni fa, venerdì 3 maggio durante la messa delle 19, sarà rievocato con una solenne cerimonia, il rito dell’incoronazione del monolito. «Insieme alla famiglia del santuario è venuta fuori l’idea di rivivere questo momento unico e straordinario. Per l’occasione verrà utilizzata la corona originale del lontano 1949, realizzata grazie al contributo dei diversi benefattori del tempo», afferma il rettore della basilica della Coltura, padre Francesco Marino.

Pubblicità

Sabato 4 maggio, intorno alle 10, dal santuario si snoderà la processione con il monolito pellegrino verso Contrada Pane. La mattinata sarà animata dal concerto bandistico del liceo musicale “E. Giannelli” e vedrà la presenza degli alunni dell’Istituto comprensivo. Alle 12 ci sarà la supplica in basilica mentre, nuovamente da Contrada Pane, intorno alle 18 una seconda processione muoverà verso il santuario. Allieterà questo appuntamento il gruppo bandistico della parrocchia di Sant’Antonio da Padova. Al rientro saranno pure benedetti i trattori e i mezzi agricoli.

Il solenne pontificale sarà presieduto alle ore 19 in piazza Salvo D’Acquisto da mons. Gjergj Meta, pastore della diocesi albanese di Rrëshen: il presule, formatosi presso il seminario maggiore di Molfetta, attualmente è il vescovo cattolico più giovane al mondo a soli 42 anni. Alla concelebrazione prenderà parte il vescovo diocesano Fernando Filograna. In questi giorni, intanto, i padri domenicani hanno avviato una colletta invitando i fedeli a contribuire con un piccolo gesto di carità alle numerose necessità della chiesa in Albania.

L’intensa giornata si concluderà con uno spettacolo pirotecnico preceduto da un concerto canoro degli alunni del Comprensivo di Parabita e da un’esibizione curata dal settore coreutico del “Giannelli”.

 

 

Pubblicità