Facce diverse in ballo per uno stesso Consiglio

1587

NARDÒ. Non sono calcoli facili quelli per definire la composizione del prossimo Consiglio comunale, con un ballottaggio tutto ancora da giocare. Le ipotesi più accreditate, in base ovviamente a quale sarà il vincitore del duello Risi-Mellone, concordano comunque su alcuni nomi. Nel caso di vittoria di Marcello Risi (ha un vantaggio di quasi dieci punti su Giuseppe Melòone, con lui entrerebbero a Palazzo Personé Daniele, Piccione, Lorenzo Siciliano, Tommaso Roberto My, Alessandra Boccardo (foto), Maurizio Leuzzi e Giulia Falzea, tutti del Pd; Cesare Dell’Angelo custode e Sonia Muci (Obiettivo Comune); Michele Muci (Progetto Nardò); Carlo Falangone e Sabrina Vissicchio (Puglia in più); Francesco Polo, Paolo Maccagnano e Giuseppe Cordisco (Liberal). All’opposizione Antonio Valgio, Mirella Bianco, Alessandro Presta, Lucio Calabrese (Cor); Ginacarlo Marinaci (Insieme per Vaglio); Pippi Mellone (Libra); Ettore Tollemeto e Antonio Tondo (Andare oltre); Andrea Giuranna (Riprendiamoci Nardò); Paola Mita (Forza Nardò, foto). Ipotesi opposta: con Mellone in Comune, Tollemeto, Tondo, Maria Grazia Sodero, Giulia Puglia, Gianluca Fedele (Andare oltre); Paolo Arturo Maccagnano (Grande Nardò); Giuranna e Augusto Greco (Riprendiamoci Nardò); Oronzo Capoti e Fabrizio Durante (Libra); Graziano De Tuglie (Tutto per Nardò); Luigi Venneri (Pippi Mellone Sindaco); Mita e Giuseppe Alemanno (Forza Nardò). La minoranza sarebbe composta da Risi e Francesco Polo (Liberal); Piccione, Siciliano e My (Pd); Dell’Angelo Custode (Obbiettivo Comune); Falangone (Puglia in più); Vaglio e Alessandro Presta (Cor); Marinaci (Insieme per Vaglio).