Emergenza Covid, lo sport fermo al palo anche dopo il 4 dicembre: il commento dell’allenatore dell’Ugento calcio Mimmo Oliva

648
MImmo Oliva

Ugento – Il ministro dello sport Vincenzo Spadafora nei giorni scorsi è stato chiaro: “Dopo il 4 dicembre le condizioni sanitarie non permettono nuove aperture per il mondo dello sport”. Una dichiarazione che lascia in freezer il calcio dilettantisco almeno sino alla fine dell’anno.

A commentare la notizia ha fatto sentire la sua voce mister Mimmo Oliva (di Casarano): il tecnico dell’Ugento Calcio presieduto da Dario Reo, che milita nel campionato di Eccellenza, si aspettava già questa decisione.

Le difficoltà di proseguire la preparazione atletica

Non mi sorprendono le dichiarazioni del ministro Spadafora. Con questa situazione di emergenza sarebbe stato impossibile riprendere dopo il 4 dicembre. Il problema del Coronavirus è evidente, ma secondo me avremmo potuto svolgere regolarmente il nostro campionato prestando più attenzione. E invece siamo sempre noi a pagarne le conseguenze”.

Lo scoramento dell’allenatore originario di Francavilla Fontana si riflette anche nella condizione fisica di una squadra che non può allenarsi correttamente in vista della ripresa. “Purtroppo un buon cinquanta per cento della preparazione che abbiamo svolto in estate è andata in fumo. In questo periodo i ragazzi si stanno allenando tre volte alla settimana secondo i programmi che io e il preparatore atletico Matteo Laporta studiamo settimanalmente per loro. Ma non è nulla di paragonabile agli allenamenti di campo che si svolgono sotto i nostri occhi”.

“Il rischio di infortuni sarà più elevato”

Questa è una stagione complessa perché se dovessimo riprendere a gennaio dovremo essere bravi a curare ogni minimo dettaglio. Il rischio di infortuni sarà più elevato e i ragazzi, con ogni probabilità, dovranno disputare alcuni turni infrasettimanali per concludere il campionato entro la fine di maggio”.

La coppa nazionale, inoltre, non si disputerà più. Non sarà facile, ma ce la metteremo tutta per essere competitivi e dare altre gioie ai nostri tifosi”.