Emergenza Coronavirus, piccoli e grandi gesti di solidarietà: dalla Fondazione Bpp 100mila euro per Terapia intensiva

464
Lecce – Una sottoscrizione per contribuire alla dotazione di posti di terapia intensiva negli ospedali della provincia di Lecce: l’iniziativa è della Fondazione “Banca Popolare Pugliese – Giorgio Primiceri” che ha donato 100mila euro alla Asl di Lecce ed invita tutti coloro che vorranno contribuire al raggiungimento di questo  obiettivo (IBAN IT26M0526279740CC0101220510 inserendo la specifica causale “Emergenza Covid 19”).
Vito Primiceri

«Si tratta di un impegno che sta mobilitando tutta la comunità salentina. Lo sforzo che gli uomini e le donne del Servizio sanitario regionale stanno profondendo anche nel Salento, merita un sostegno tangibile che consenta di poter indirizzare la loro fatica nel modo più efficace possibile, e a tutti coloro che malauguratamente saranno colpiti da questo patogeno, di poter avere reali chances in più di guarigione», afferma il presidente della Fondazione, Vito Primiceri.

Scout in prima fila a Nardò

A Nardò sono state circa 250 le consegne a domicilio di spesa e farmaci effettuate dal gruppo scout Cngei che, in accordo con il Comune, sta garantendo il servizio utile ai cittadini in questo periodo di restrizioni alla mobilità e di isolamenti forzati. Il servizio, completamente gratuito, può essere richiesto al numero 351/6626751 dalle ore 8:30 alle 13 e dalle 14 alle 17: riguarda la spesa per generi di prima necessità (alimentari, farmaci, ecc.) soprattutto per i cittadini che hanno più di 65 anni, ma anche per tutti coloro che per qualsiasi motivo non possono o non vogliono allontanarsi da casa.
Intanto, in linea con la grande distribuzione che ha deciso di chiudere i punti vendita nelle domeniche del 22 e 29 marzo, anche Nardò impone la chiusura domenicale ai titolari di centri commerciali e delle strutture di piccola, media e grande distribuzione di generi alimentari, per ora nelle due domeniche indicate.
A Matino Cosimo Greco, titolare del Greenwood, mette gratuitamente a disposizione un pasto caldo da distribuire alle persone più anziane e “veramente bisognose”: per questo chiede di inviare le segnalazioni (al numero 347/7384376) che poi verranno vagliate in base all’età ed allo stato di bisogno (e garantendo l’anonimato del beneficiario).
C’è poi l’associazione “Tuglie cultura” che ha trasformato la sua iniziativa “Affacciati alla finestra Tuglie mia”, che ogni giorno vede la riproduzione di tre brani “per dare un po’ di sollievo e un po’ di spensieratezza agli abitanti”: ieri sera ogni membro dell’associazione ha diffuso dalle proprie terrazze, in contemporanea alle 19.30, il brano di Renato Zero “Nei giardini che nessuno sa”, suscitando forte emozione in tutte le persone che si sono  affacciate alle finestre per ascoltare (qui il video diffuso in rete sulla pagina Facebook Tuglie Cultura).