Economia verde e sostenibile: un salentino ai vertici dell’associazione Itabia

581

Tricase – Galatone – C’è un salentino ai vertici di Itabia, l’associazione italiana della bioeconomia, basata sui principi della economia ecologicamente e socialmente sostenibile. E’ Marcello Piccinni, 51 anni, originario di Tricase con la sede legale della sua società – la Fiusis srl – a Galatone.

I dirigenti di Itabia sono stati eletti sabato 3 settembre a Roma, per il triennio 2021-2023. L’associazione delle aziende  bioeconomiche è stata fondata nel 1985 ed è presieduta attualmente dall’ingegnere Vito Pignatelli di Enea.

Soci di prestigio

Il Consiglio direttivo di Itabia si occupa di gestione e indirizzo ed è composto dai massimi esperti della ricerca, progettazione e imprenditoria a livello nazionale e comunitario nel campo della bioeconomia.

Tra i soci di Itabia figurano oltre ad Enea, il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), Chimica verde, Cra Ing del Ministero delle politiche agricole, Enama, Federunacoma ed altri associati del mondo scientifico accademico e imprenditoriale italiano.

Riconoscimenti a livello europeo

Il salentino eletto nel Direttivo è amministratore e titolare di Fiusis, che ha divisioni operative anche a Calimera. La sua azienda si è contraddistinta in Italia ed in Europa nella  Green & Circular Economy tanto da conquistare nel 2019 a Bruxelles il titolo di “Miglior Modello di sviluppo sostenibile economico e sociale nei territori rurali europei”.

Numerose le pubblicazioni scientifiche nazionali ed internazionali sull’impianto di Calimera che produce dal 2010 Energia dal recupero degli sfalci della potatura degli alberi e che negli ultimi mesi, in un ottica di economia circolare, ha messo in funzione anche un impianto per la produzione di Pellet  prodotto esclusivamente con legno vergine 100% .

Ok allo sviluppo ma a quello possibile

“Ringrazio l’Assemblea di Itabia per l’elezione che considero un riconoscimento al nostro lavoro e ai sacrifici che hanno alimentato il percorso di una piccola azienda del Sud che negli anni ha saputo proporre e far apprezzare il proprio modello di sviluppo sostenibile ponendolo all’attenzione del panorama internazionale”, è il commento di Piccinni

Il presente e il futuro dello sviluppo economico – conclude il neo dirigente – non può più prescindere dalla diffusione della Green Economy e dell’Economia circolare ed io sono onorato di essere stato scelto a far parte di questa squadra così altamente qualificata”.