Seclì, ecco il rondò tanto atteso

1915

SeclI - Viale San PaoloSECLI’. Seclì razionalizza le sue strade con l’obiettivo di migliorare la viabilità e collegare al meglio le zone situate fra la parte storica del paese (attorno alla piazza ) e quelle della nuova espansione edilizia. L’inizio dei lavori è previsto a breve, molto probabilmente entro marzo. Verrà innanzitutto sbloccata la viabilità di collegamento tra la zona Peep (Piano edilizia economica popolare) ed la parte centrale del paese, tramite un rondò che sarà collocato quasi al centro di viale San Paolo (foto) e che allargherà via Coltura (attualmente una stradina di circa tre metri), collegandola al viale.

Un lavoro che si è reso indispensabile per migliorare la viabilità in un luogo con grossi problemi in questo senso, quale è quello della parte sud del rione Case Nuove. Il progetto è finanziato con fondi comunali per un totale di 336mila euro e sarà realizzato in tre tempi. Al momento, con i lavori su viale San Paolo, parte il primo stralcio di 112mila euro. Successivamente, con un secondo stralcio, si provvederà a costruire un rondò sulla Provinciale 363 (la via per Galatone), che sarà realizzato dalla Provincia. Al momento l’opera è  ferma esclusivamente per dare in primo luogo soluzione a tutti i problemi legati al dissesto idrogeologico. Il progetto, per quest’ultimo annoso problema, è stato definitivamente mandato in gara il 16 gennaio e per esso si attende soltanto l’aggiudicazione all’impresa vincitrice e l’inizio dei lavori.

In seguito con un terzo finanziamento si provvederà a sbloccare definitivamente la viabilità del paese, realizzando un collegamento con il rondò della Provinciale 363, che intersecherà tutte le parallele del lato nord del rione Case Nuove. L’obiettivo è quello di evitare, come accade al momento, che tutte le strade confluiscano sulla Provinciale con gravi rischi di incidenti, ed invece farle confluire sul rondò e permettere così di raggiungere agilmente ogni destinazione.