Ecco cosa serve per rilanciare Nardò

764

A Piazzasalento.
Per rilanciare Nardò è necessaria una vera Politica che ponga a base della sua proposta che l’Uomo/cittadino è un valore centrale della vita sociale; la Politica è una nobile attività a servizio dell’Uomo, della Collettività, della Città; da esprimere in maniera chiara, trasparente, onesta e leale, senza corrotti, impresentabili e affaristi subdoli; l’Amministrare è un servizio pubblico temporaneo in nome e per conto della Comunità della sua valorizzazione e implementazione; il Votare è un diritto-dovere del Cittadino per selezionare persone serie cui affidare la responsabilità dell’amministrazione dei Beni pubblici e degli interessi generali della collettività: l’ Eletto è una risorsa politico-sociale e amministrativa scelta, per competenza e impegno, a servizio della Comunità e non di se stesso;

il Dipendente pubblico è (ordinario, incaricato, contrattista, convenzionato o come impresa o azienda) un professionista responsabile che deve sempre adempiere ai propri doveri in modo deontologico ineccepibile, onesto, leale e corretto col suo ruolo di dipendente pubblico. Con queste premesse, non contrattabili, un modo per rilanciare la Città può avvenire attraverso: – un Programma innovativo di procedure e di metodologie amministrative; – una Cronologia certa delle realizzazioni che si intendono mettere in onda; – specifiche Garanzie collegate alla loro attuazione; – un Organismo esterno che verifichi trimestralmente lo sviluppo del Programma; – una Ristrutturazione della Pianta organica adeguata alle nuove norme ed esigenze; – una Dirigenza – amministrativa separata da quella Tecnico-professionale; – una Comunicazione tempestiva e preventiva degli intendimenti e delle scelte; – una Informazione pubblica (on line o diversamente) del lavoro in “progres”; – una modalità di intervento dei cittadini sulle varie questioni amministrative; – una professionalizzazione delle Commissioni consiliari ( riducendole a 7): – un Segretariato agile e snello adeguato al “nuovo corso”; – una serie di Reti telematiche e di circuiti culturali, commerciali, industriali e turistici; – concrete Azioni che facciano uscire la Città dal suo isolamento politico-ammnistrativo; – una gestione sana e corretta delle risorse pubbliche priva di sprechi e di futilità; – una trasparenza amministrativa e una etica professionale, attente e doverose. E’ un modestissimo invito rivolto all’attenzione dei Partiti e dei Movimenti politici locali che si apprestano a redigere un Programma elettorale per gli anni 2016-2021. Grazie per l’attenzione.

Giovanni Però – Nardò

Pubblicità
Pubblicità