E che fisici!

2578

liceo

GALLIPOLI. Piccoli fisici e sperimentatori crescono, si formano nell’ IISS Q. Ennio di Gallipoli, dove giocano e gareggiano risolvendo quesiti di Fisica durante i Giochi di Anacleto. Tra controlli sulla durata di una lampadina, calcoli sulla perdita di acqua di un cilindro forato ed elaborazioni della traiettoria di un pallone durante una partita di calcio, gli studenti hanno dato prova della loro abilità e competenza nell’applicare praticamente quanto appreso durante le lezioni in classe.  Gli studenti Caputo Carlo di Gallipoli (primo classificato), Solidoro Cosimo di Ugento (secondo classificato), Maggio Lorenzo di Gallipoli (terzo classificato), Dell’Anna Pasquale di Sannicola (quarto classificato) e Fai Antonio di Parabita (quinto classificato) non solo hanno ottenuto  i migliori risultati e per questo ricevuto un meritato premio, ma hanno anche dimostrato concretamente come la fisica possa affascinare i più giovani.

Allo scopo di valorizzare le eccellenze, l’ IISS Q. Ennio di Gallipoli nel corso dell’ anno scolastico offre ai ragazzi tante opportunità di cimentarsi in competizioni per mettere alla prova quanto imparato, per fare nuove esperienze. Da alcuni  anni è stato proposto agli alunni del biennio interessati una competizione riguardante la fisica e soprattutto la logica. I “Giochi di Anacleto”, organizzati dall’ AIF (Associazione italiana per la Fisica), si articolano in due fasi che prevedono una prova teorica e una pratica. Nella prima, svoltasi il 25 Aprile, è stato testato il livello di apprendimento dei concetti studiati nel biennio. Nella seconda fase, svoltasi l’ 8 Maggio, gli alunni, utilizzando vari strumenti di laboratorio e lavorando in piccoli gruppi, hanno applicato e verificato materialmente i concetti che risultano essere alla base della fisica, come le leggi della dinamica. Alcuni dei partecipanti hanno trovato molto competitive entrambe le prove, soprattutto quella di laboratorio nella quale la maggiore difficoltà è stata incontrata nell’assemblare gli strumenti da utilizzare, seguendo un disegno rappresentativo.

I Giochi di Anacleto non sono stati la sola possibilità degli studenti di  dimostrare le competenze acquisite; infatti alcuni alunni frequentanti il Liceo, divisi in due fasce, biennio e triennio, hanno partecipato il 22 Novembre ai “Giochi di Archimede” che si sono svolti localmente per il 1° livello e per il 2° livello il 10 Febbraio, mentre l’Università del Salento ha ospitato coloro che hanno superato il 1° livello.

Inoltre l’11 Dicembre gli alunni del triennio hanno preso parte ad una gara locale di Fisica, proseguita il 19 Febbraio con la gara provinciale presso l’Università del Salento. Le competizioni proposte quest’anno dal liceo Q. Ennio non hanno riguardato, però, solo fisica e matematica; i ragazzi si sono cimentati anche con prove di chimica, biologia e italiano. Ognuna di queste ha visto una prima fase  nello stesso istituto e una seconda svoltasi a Lecce.

Tutti i partecipanti hanno reputato un ottimo strumento di formazione e di sviluppo personale il confrontarsi in maniera ludica con i propri coetanei.

I cinque studenti premiati con la Dirigente Scolastica prof. ssa Antonella Manca e la responsabile delle Olimpiadi  prof.ssa Pasqualina Abate.

Articolo di Dell’Anna P.F. , Caputo C. e Maggio L.