Tra i desideri dei turisti che affollano le località più note c’è anche il sesso. E le escort lo sanno, lo dice l’ultimo nato di Advisor

5508

Gallipoli – Tra i vari fenomeni dell’estate c’è anche quello della “migrazione delle escort”. Le città si spopolano mentre nelle località turistiche aumentano le presenze e così anche le “lavoratrici del sesso” seguono i flussi animati da tanta gente.

Tra le province pugliesi che registrano in questi mesi una crescita sensibile di questo “mercato” particolare c’è quella di Lecce, con le sue località più attrattive,  insieme a Bari e Foggia sul podio della classifica stilata dal motore di ricerca Escort advisor.

«Ogni anno ad agosto, ormai da cinque anni ovvero da quando operiamo in Italia, nel settore si riscontra un aumento di presenze nelle maggiori località turistiche, soprattutto marittime. Il calo di presenze generale – commenta Mike Morra – soprattutto nelle grandi città, è imputabile anche al fatto che ad agosto anche le “sex workers” si concedono un periodo di vacanza di almeno due settimane. Vedremo se nel 2019, come sembra fino ad ora, queste tendenze saranno confermate».

Pubblicità

Così insieme alla criminalità, ed al flusso della droga che sempre segue le grandi folle, l’estate porta anche e a frotte le “donne di piacere” nei luoghi di villeggiatura (soprattutto in città come Gallipoli e il capoluogo).

Abituati a Trip Advisor in fatto di alberghi e ristoranti, adesso comunque c’è “Escort advisor” viene considerato il “primo sito di recensioni di escort in Europa” capace di “rivoluzionare il settore attraverso le recensioni degli stessi utenti”. Chissà che non venga a far parte dei vari termometri che segnalano l’andamento turistico-economico di una stagione (naturalmente in nero).

Secondo i loro dati (che si riferiscono al 2018 ma ritenuti “in tendenza” anche con il 2019), ad agosto rispetto al mese di giugno nella provincia di Bari si è riscontrato un aumento del 49% nella presenza di escort, a Lecce del 28% e a Foggia del 41%.

Pubblicità