Alliste. Cocaina come caramelle o gomme da masticare. Colpisce nella cronaca di quest’ultimo periodo la frequenza con cui vengono fermati consumatori e spacciatori di cocaina di tutte le età e di ogni classe sociale. Operai, imprenditori, professionisti, la polvere bianca accomuna tutti. C’è da dire che sempre più attenta e rigorosa è l’opera di contrasto delle forze dell’ordine che vigilano sul territorio. Nel panorama salentino non fa eccezione Alliste.

Nei giorni scorsi, infatti, sono stati trovati in possesso di cocaina due giovani allistini. Il primo, Tomas Manni (foto), operaio 31enne, incensurato che è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti,  e un 18enne sempre del posto che è stato denunciato a piede libero per il medesimo reato.  I carabinieri avevano visto in una zona periferica del paese Tomas Manni vicino alla sua auto che dava l’impressione di aspettare qualcuno. Che era il 18enne con cui Manni scambiava qualcosa. La successiva perquisizione permetteva ai militari di trovare addosso al 18enne un involucro con 5 grammi di cocaina e nel giubbotto di Manni 4 grammi di cocaina e 875 euro in contanti. Denuncia a piede libero per il primo e Borgo S. Nicola per il secondo.

In questo ultimo periodo Alliste è stata teatro anche di furti frequenti. Il più consistente si è avuto al supermercato “Standard”, in via Marina. I malviventi si sono introdotti nel locale dalla porta secondaria e hanno portato via  prodotti dolciari e altri vari alimenti in quantità. Precedentemente erano stati presi di mira i distributori di bevande nelle scuole, il bar “Kalimba”, la pizzeria “Paradise”, numerosi appartamenti di cittadini.

Pubblicità

Materiale sufficiente per allarmare il paese.

Pubblicità

Commenta la notizia!