Dior porta a Lecce la sua collezione 2021: per lo spettacolo in piazza Duomo anche due “eccellenze” di Specchia

10579

 Specchia – È conto alla rovescia a Lecce per la sfilata di Dior, la “Cruise collection 2021” che la direttrice creativa della maison francese Maria Grazia Chiuri (originaria di Tricase) ha deciso di portare in piazza Duomo mercoledì 22 luglio.

Ad essere coinvolti saranno anche Laura Boccadamo e Agostino Branca due “eccellenze artistiche” di Specchia. La Chiuri ha ideato la sfilata sul tema dei “tarocchi” e ha invitato il maestro ceramista Agostino Branca e il suo gruppo di lavoro, composto dalla moglie Lina, dalla figlia Agnese e dalle collaboratrici Sabina e Vittoria, per realizzare una collezione di piatti con tarocchi.

L’evento in piazza Duomo

All’evento potrà assistere dal vivo solo un pubblico ristretto ma non mancheranno le dirette web e la “web conference” con Parigi con oltre 600 giornalisti che trasmetteranno in tutto il mondo. In piazza Duomo sarà presente anche l‘Orchestra popolare “Notte della Taranta” che accompagnerà il corpo di ballo della Taranta, che da molti anni annovera tra le protagoniste Laura Boccadamo, nata a Specchia.

Oltre ad esibirsi a Melpignano come ballerina nelle ultime edizioni del Festival, la Boccadamo ha partecipato a vari concerti e festival in Italia e all’estero e in trasmissioni televisive della Rai e di emittenti private, con presenze anche in film e fiction tv come ballerina solista. Nel 2012 è stata ospite del concerto di Emma Marrone e Alessandra Amoroso all’Arena di Verona; nel 2014 si è esibita ad Amman (Giordania) per l’Ambasciata d’Italia e nel 2015 all’evento “Signore e signori Al Bano e Romina Power”, trasmesso in diretta da Rai 1 dall’Arena di Verona. Nel 2018 ha partecipato allo spot pubblicitario della linea cosmetica Togethair e ballato con il corpo di ballo della Taranta lungo le strade principali di New York in occasione del Columbus Day. Numerosi gli stage di pizzica che si svolgono in tutta Italia, ai quali viene invitata come insegnante.

Il talento di Agostino Branca

Agostino Branca è nato a Specchia nel 1959 e fin da giovane si è interessato all’arte della ceramica tradizionale. Nel 1987 ha avviato a Tricase un laboratorio sperimentale di tecnica e ricerca stilistica. Le sue opere sono destinate a collezioni e cerimonie prestigiose come i “Golden globe” assegnati a personalità del mondo del cinema, i “videoclip Award”, il “Premio Specula” destinati al mondo della musica e della cultura, le “angeliche” presentate a Montecitorio presso la sala stampa della Camera dei Deputati a Roma.

Branca ha pure diretto il laboratorio di ceramica presso l’ospedale “Vito Fazzi”di Lecce per conto della Fondazione Thun, con la quale ha collaborato al progetto di allestimento dell’albero di Natale di piazza San Pietro, in Vaticano, dove ha partecipato all’udienza con Papa Francesco nella Sala Paolo VI. Le sue opere di ceramica contemporanea sono esposte in Italia e all’estero presso famose gallerie e sedi istituzionali tra cui consolato italiano a New York, il Columbus centre di Toronto, China art Expo a Pechino.

“Il Bosco”, la sua opera più recente, è un’installazione realizzata in occasione del trentesimo anniversario di attività, costituita da diversi assemblaggi artistici in ceramica raffiguranti degli alberi di fico d’india disposti sulle facciate delle abitazioni nel borgo antico di Tricase.