Diocesi Nardò-Gallipoli: ecco le nuove nomine disposte dal vescovo Filograna

3680

Nardò – Importanti novità in vista per l’avvio del nuovo anno pastorale della diocesi di Nardò-Gallipoli. Il prossimo 2 settembre, intanto, il consueto pellegrinaggio di inizio anno si svolgerà a Copertino dove, a quattro anni dal suo insediamento, il vescovo Fernando Filograna  darà ufficialmente avvio alla  sua “prima visita pastorale” della diocesi.

Il raduno è previsto alle 18.30 presso la parrocchia Santa Famiglia da dove si proseguirà,  a piedi, verso la chiesa S. Maria della Grottella per la celebrazione della Messa alle 20,  nell’area parco esterna, presieduta dal vescovo Filograna e concelebrata dai sacerdoti  e dai religiosi della diocesi.

Le altre novità riguardano gli avvicendamenti e la nomina di nuovi parroci e il nuovo e più funzionale assetto degli uffici di curia (ora più che dimezzati e ridotti a cinque), a seguito della riforma avviata nel settembre 2014.

Pubblicità

Il vescovo Filograna, con una lunga e articolata lettera indirizzata a sacerdoti e fedeli della diocesi, ha indicato i nuovi vicari episcopali che, per effetto della riforma, saranno solo due: vicario episcopale per gli affari giuridici e amministrativi sarà don Luca Albanese (di Casarano) mentre mons. Piero De Santis (Copertino) sarà il vicario episcopale per la pastorale.

Queste, invece, le prime nomine, conseguenze dei nuovi assetti negli uffici di curia: don Adriano Dongiovanni (Casarano) sarà il responsabile dell’ufficio per il clero mentre don Piero Nestola (già vicario episcopale, di Copertino) coordinerà gli eventi diocesani, il sito diocesano e i rapporti coi social network.

I cinque direttori degli uffici di curia saranno don Antonio Pinto (di Nardò) per l’ufficio catechistico, don Giuseppe Venneri (Nardò) per la Caritas diocesana, don Francesco Martignano (Parabita) per l’ufficio liturgico, il rettore del seminario don Antonio Bruno jr (Galatone) coordinerà il settore per “gli stati di vita”, e don Oronzino Stefanelli (Copertino) sarà il direttore per la pastorale della famiglia.

Pubblicità