Dimezzato dal maltempo, ma il Trofeo Opti Sud è andato: 147 barche in acqua con altrettanti piccoli regatanti a bordo. Pulizie extra al Canneto

456

Gallipoli – Una grande festa della vela, una iniziazione di massa per ragazzi che vogliono domare il vento: pur dimezzata a causa del cattivo tempo di ieri, il Trofeo nazionale Opti Sud ha toccato Gallipoli lo scorso week end.

L’evento, che ha visto partecipare 147 barche (sulle 250 previste poi quasi dimezzate dalle cattive condizioni meteo), è stato curato dall’Istituto tecnico navale Amerigo Vespucci di Gallipoli, in collaborazione con il Comitato Circoli velici Salento. Si è trattato della seconda tappa in programma.

Pubblicità

L’incontro col mare gallipolino è stato quindi limitato alla sola giornata di sabato, riscontrando un buon successo  e l’arrivo in città non solo dei neo regatanti ma anche dei loro familiari ed accompagnatori. Sono state svolte le prove di una gara che poi non c’è stata, in base a quattro categorie di natanti.

Nell’accoglienza dello storico Nautico, anche un tocco, ma significativo, di lotta all’uso di contenitori in plastica. Invece delle classiche bottigliette da consegnare a ciascuno degli ospiti, la dirigente Paola Apollonio ha pensato a regalare un thermos in alluminio, facendo arrivare sul luogo della gara cinquemila litri di acqua che sono finiti poi nei contenitori di metallo.

Pulizie extra del Canneto In precedenza alcuni studenti del “Vespucci” hanno tirato a lucido, con una meticolosa e approfondita operazione, il porticciolo del Canneto. La Capitaneria di porto di Gallipoli ha provveduto a portare via pezzi di barche e altro materiale simile.

Mai visto lo scalo del Canneto pulito così”, ha commentato qualche passante. Ma qualcun altro ha fatto notare che il giorno dopo alcuni pescatori avevano ripreso, noncuranti, le loro cattive abitudini, abbandonando qui e là polistirolo e pezzi di rete.

(foto di Alessandro Magni)

 

Pubblicità