“Depuratore di Gallipoli verso la progettazione definitiva. Audizione in Regione su proposta del consigliere Gabellone

350
Gallipoli – Il depuratore di Gallipoli verso la fase della progettazione definitiva. Il dato emerge dall’esito dell’audizione a tema tenutasi in Commissione lavori pubblici-Ambiente della Regione su richiesta del consigliere Antonio Gabellone (di Tuglie). Ad essere ascoltati sono stati il presidente della Provincia di Lecce e sindaco di Gallipoli, Stefano Minerva, ed i presidenti di Legambiente, Italia nostra, Udicon e Aqp, per conoscere lo stato di avanzamento nella realizzazione della condotta sottomarina di Gallipoli, finanziata con 16 milioni di fondi Por e la cui progettazione è stata affidata ad Aqp.
«Le notizie sono state positive. Si è ormai concluso l’iter per l’aggiudicazione della progettazione ed ora si  passerà alla progettazione definitiva». In Commissione è emersa l’esigenza che per i primi due chilometri si eviti la posa delle tubazioni sul fondale e che le  trivellazioni non tocchino lo stesso fondale marino. Altro rilievo quello della necessità di  una ricognizione per scongiurare l’eventuale presenza di residuati bellici.

Acque reflue per l’agricoltura

Antonio Gabellone

«Ho esposto – precisa l’esponente di FdI – la possibilità che le acque reflue del depuratore consortile siano riutilizzabili in agricoltura. Tra l’altro, proprio nella zona di Gallipoli, Taviano, Alezio, Parabita, Matino, Tuglie, colpite in maniera drammatica dalla xylella,  è cominciata la sperimentazione di nuove specie di reimpianti che richiedono però  un consumo abbondante di acqua». L’assessore Maraschio, presente in Commissione, ha assicurato che le problematiche emerse saranno approfondite in una successiva seduta di aggiornamento.