Davide Cavalera da Gallipoli ai Mondiali di pizza a Parma, al fianco di oltre mille pizzaioli da tutto il mondo

Il giovane proporrà ai giudici una pizza dalla ricetta tipicamente salentina

4222
Davide Cavalera

Gallipoli – Ai Mondiali di pizza doc che si terranno a Parma il prossimo 9 aprile ci sarà un po’ di Salento: a rappresentarlo sarà il gallipolino Davide Cavalera, pizzaiolo 21enne che ha già ben figurato al Campionato nazionale di pizza doc svoltosi nel novembre scorso a Nocera Inferiore. In quella competizione, Cavalera è stato il più giovane in gara, accanto a oltre 400 concorrenti.

La creatività in una pizza. Iscritto all’Accademia nazionale di pizza doc a Napoli, il ragazzo ha anche seguito un corso di specializzazione sulla pizza napoletana con il campione mondiale Salvatore Lionello. Una carriera e una passione, quelle del giovane gallipolino, nate un po’ per caso: “Frequentavo l’Istituto commerciale di Gallipoli e inizialmente non ero interessato a questo mestiere – afferma Cavalera. – Poi, 4 anni fa, ho trovato un lavoretto estivo in una pizzeria e ho iniziato per caso facendo il cameriere. Da lì, dopo pochi giorni, mi hanno inserito in pizzeria e mi hanno affiancato a un pizzaiolo. Così, pian piano ho iniziato ad appassionarmi e a capire il valore di questo mestiere. Adesso amo il mio lavoro, perché mi permette di esprimere fantasia e creatività scegliendo i vari abbinamenti e creando nuovi gusti in modo equilibrato, selezionando gli ingredienti e tenendomi sempre aggiornato sulle ultime tendenze e novità”.

Ai Mondiali di Parma, una ricetta tutta salentina. L’attenzione, adesso, è rivolta al Mondiale di aprile, che durerà 3 giorni e vedrà la partecipazione di oltre mille pizzaioli da tutto il mondo. “Non vedo l’ora di partecipare – prosegue Cavalera. – Proporrò un gusto inventato da me, che farò assaggiare ai giudici. Ovviamente sarà qualcosa di tipicamente salentino”.

Il sogno: “Un marchio con il mio nome”. Intanto, il giovane lavora da due anni nello stesso pub e oltre a sfornare pizze – per le quali riceve molti complimenti – continua a sfornare idee. “Per me già partecipare a questo concorso è un’esperienza bellissima, indipendentemente da come andrà. Mi aspetto che sia un’occasione di crescita personale e un trampolino di lancio: anche solo guardando gli altri professionisti potrò imparare molte cose”. E chiude con un sogno: “Il mio obiettivo è realizzare un giorno un marchio con il mio nome: ‘la pizza secondo Davide Cavalera’, così da farmi conoscere sempre più anche fuori Gallipoli”.