Dal Politecnico il rilancio del Tac salentino

1639
PzzSlnt_32_01.indd
Il presidente della Provincia Antonio Gabellone e, più a sinistra, Michele Zonno, vice-presidente del Politecnico

CASARANO. Riparte dalla produzione di qualità il Tac salentino. Per il settore del “tessile-abbigliamento-calzaturiero”, messo a dura prova da una crisi da molti ritenuta irreversibile, le speranze di rilancio passano dalla capacità di mettere insieme innovazione e qualità, secondo la ricetta più volte stilata da tutti gli analisti del comparto. In questo contesto si inserisce il “Politecnico del made in Italy”, il consorzio di imprese presieduto da Luciano Barbetta (vice è l’ex manager Filanto Michele Zonno) con  sede presso l’incubatore “Puglia sviluppo” (ex Cisi – zona industriale) che in questi giorni ha lanciato le iscrizioni per il corso da “Specialista in modellistica e stile”. «Ricerchiamo i migliori talenti per creare figure professionali di eccellenza nella modellistica industriale nei settori calzatura e abbigliamento», recita lo slogan che accompagna le selezioni. Le persone selezionate potranno intraprendere un percorso formativo orientato alle manifatture di qualità del “sistema moda” e potranno beneficiare di borse di studio con una copertura “fino al 90% del percorso”. L’obiettivo è quello di formare degli specialisti nell’ideazione, modellazione, sviluppo e realizzazione di prodotti di alta qualità. Per partecipare alle selezioni occorre compilare il modulo di registrazione sul sito www.poltecnicomadeinitaly.it oppure contattare il responsabile delle selezioni al 392/9057987 (email: info@polimade.it).

«Questo percorso formativo rappresenta una rilevante opportunità di crescita professionale per i giovani che verranno selezionati, atteso che molte aziende registrano un sempre maggiore interesse di dotarsi di queste figure professionali», afferma il presidente della Provincia Antonio Gabellone che nei giorni scorsi ha scritto ai dirigenti scolastici degli istituti superiori del territorio, ed ai responsabili dei centri per l’Impiego, chiedendo collaborazione per la diffusione e promozione dell’iniziativa.