Da Tricase a Oslo: il legame tra popoli si nutre anche di cinema. Il 12 e 13 la prima edizione del Salento international film festival

Ospiterà la manifestazione l'Istituto italiano di cultura della capitale norvegese

750

Tricase – Da Tricase ad Oslo, una nuova strada aperta dalla cinematografica. E’ tutto pronto nella capitale norvegese per la prima edizione del Salento international film festival, Siff in sigla. Lo hanno organizzato l’associazione culturale Salento cinema di viale della Stazione a Tricase che intende essere una porta sull’Est, e l’Istituto italiano di cultura di Oslo, che lo ospiterà, e si terrà il 12 e il 13 febbraio prossimi.

L’obiettivo culturale e internazionale “L’’iniziativa è tesa – comunicano i protagonisti di questa inconsueta cooperazione – a promuovere l’aspetto del cinema quale una delle forme più potenti di comunicazione culturale e di legame tra culture e popoli”. Il Siff l’anno scorso in ottobre si è tenuto per la quarta volta a Yerevan, capitale dell’Armenia.

Due i film selezionati per questa prima edizione della rassegna: “L’età imperfetta” di Ulisse Lendaro e “Hotel Gagarin” di Simone Spada , che verranno presentati rispettivamente il 12 e il 13 febbraio alle ore 18.30 all’Istituto italiano di cultura. Gli Iic sono 83 nel mondo e sono luoghi di incontro e di dialogo per intellettuali e artisti, per gli italiani all’estero e per chiunque voglia coltivare un rapporto culturale con l’Italia.

“L’età imperfetta” è un film drammatico che parla dell’adolescenza, con tutti i suoi eccessi e tutte le sue innumerevoli imperfezioni. Camilla è una ragazza di diciassette anni che, nonostante le remore della madre, sogna di diventare una ballerina di successo. Un giorno, a lezione di danza, incontra Sara, una ragazza che condivide il suo stesso sogno, e la sua vita cambierà per sempre. Saranno presenti alla proiezione il regista Ulisse Lendaro e la protagonista Anna Valle. L’incontro sarà in lingua inglese.

“Hotel Gagarin” è una commedia che racconta la storia di cinque italiani squattrinati in cerca di successo. I protagonisti vengono inviati in Armenia per girare un film ma, non appena vi giungono, scoppia una guerra e il produttore, un disonesto, sparisce con i soldi. Sebbene abbandonata nell’Hotel Gagarin, un albergo isolato nei boschi e circondato soltanto da neve, la troupe decide di vivere quest’esperienza come un’inaspettata e originale, opportunità per ritrovare un’indimenticabile felicità.

Alla proiezione del 12 febbraio saranno presenti il Line Producer, Gianluca Bertogna e la protagonista Barbara Bobulova. Anche questo incontro sarà in lingua inglese. I film saranno presentati con sottotitoli in inglese.