Da 33 a 56 contagiati in una settimana in provincia di Lecce. “Ci sono molte più persone in giro”, spiegano. In 24 hanno preso il virus all’Estero

2369

Gallipoli – Sono 56 i positivi al contagio da Covid 19, secondo il report Asl Lecce di ogni venerdì mattina, comprendenti gli ultimi tre segnalati quest’oggi dal bollettino epidemiologico regionale sempre in provincia di Lecce. Dalla conta ufficiale sono dunque notevolmente cresciuti gli infetti che una settimana fa erano 33 sparsi in 15 paesi ed oggi sfiorano la sessantina in venti.

Se il raffronto lo si fa non  con il 31 luglio ma con il 24 dello stesso mese, il balzo è ancor più evidente: allora se ne erano contati 16, dopo una sequela di risultati pari o prossimi allo zero, ed i paesi toccati erano otto più due casi di persone temporaneamente presenti nel Leccese. Da 16 a 56 il passo non è breve, anche se va detto che, nei 56, dieci riguardano soggetti casualmente presenti in Salento.

Il peso di rientri dall’Estero

Altra precisazione da tener presente per una più completa valutazione della situazione: dei 56 positivi attuali ben 24 hanno contratto il virus all’Estero e fuori regione. Per gli addetti ai lavori l’aumento dei contagiati può essere considerato “normale” in base al consistente aumento delle persone in circolazione. “Importante è tracciare casi e contatti avuti prima che da un episodio scoppi il focolaio, come accadrebbe se non ci fossero i controlli”. Proprio questo pomeriggio, infatti, durante un tour di screening è emerso un altro caso positivo.

“Tutto è sotto controllo” dicono da Lecce. Comprese le propaggini del focolaio di Carpignano salentino che ha toccato alla fine un buon numero di centri dell’area est del Salento, in cui i casi a Poggiardo sono sei e altrettanti a Santa Cesarea terme. E poi Bagnolo, Caprarica di Lecce, Cursi, Martano, Melendugno, Minervino di Lecce, Nociglia, Specchia, Uggiano La Chiesa e Zollino. Con tre contagi a testa ci sono infine Casarano, Nardò e Copertino; Lecce con sei e Racale e San Cesario con uno.

Attenzione alle tre regole

Occhi aperti e rispetto delle regole chiave: mascherina, mani pulite di frequente e niente affollamenti. Va ricordato che chi arriva in Puglia da altre regioni italiane o da Stati esteri ha l’obbligo di autosegnalarsi compilando il modulo scaricabile sul sito della Regione Puglia:

https://urlsand.esvalabs.com/?u=https%3A%2F%2Fwww.sanita.puglia.it%2Fautosegnalazione-coronavirus&e=2aecca18&h=61032d7b&f=n&p=y

Il modulo, una volta compilato, deve essere inviato al proprio medico di medicina generale se si è residenti in Puglia, o al Dipartimento di Prevenzione della Asl in cui si soggiorna se non si è residenti o se non si ha il medico curante (per la Asl Lecce la mail è: protocollo.sispnord@ausl.le.it). Per ulteriori informazioni si può contattare il numero verde regionale 800.713931, attivo tutti i giorni dalle 8 alle 20, mentre dall’Estero si può chiamare il 0039.080.3373398.