Covid sull’altalena in Puglia ma i decessi restato ancora troppi: 89 in tre giorni. Focolai a ripetizione nelle Residenze anziani. Scattati i controlli nel Leccese

442

Gallipoli – Oscillano i principali indicatori della presenza del virus Covid in Puglia; mediamente alta rimane la conta dei deceduti che negli ultimi tre giorni hanno sfiorato le 90 unità. Oggi la percentuale dei positivi sul totale dei test registrati scende all’8,4, ieri era più del doppio (18%) e il 20 dicembre al 10,5.

I ricoveri sono in discesa anche se lieve (1.588) sia nei reparti Covid che in Terapia intensiva, come gli isolati in casa che sono il 97 % delle persone coinvolte; il restante 2,7% è di ricoverati e lo 0,3 in Intensiva per una età media di 56 anni.

Rsa a catena infiltrate dal virus

Va ridetto che il grosso dei numeri pesano sulle realtà di Bari, Foggia e Bat dove continuano ad accendersi focolai nelle Residenze sanitarie assistite. Le ultime notizie segnalano casi in residenze per anziani di Bari (undici in una settimana), Modugno, Sannicandro, Mola di Bari, Turi, Acquaviva delle fonti.

Nel Leccese i nuovi contagiati si sono attestati sotto il centinaio quotidiano. Scattato anche il programma dei controlli concordato in riunioni in Prefettura. Nel corso di questi controlli, è stata individuata una affollata festa di compleanno con trenta multe. In un rapporto a consuntivo del fine settimana si segnalano 199 persone identificate; controllati 50 esercizi commerciali; sanzionate  10 persone per violazioni delle norme in materia di   prevenzione del contagio da covid-19 e 2 esercizi commerciali, i cui titolari sono stati contravvenzionati con una multa di 400 euro.

Controlli e sanzioni nel Leccese

Inoltre sono stati controllati 5 esercizi commerciali: – un ristorante di sushi, che aveva organizzato all’interno del locale una festa con troppi avventori; un bar che aveva allestito un tavolino per la somministrazione di bevande a 6 persone, peraltro non conviventi tra di loro, e senza il rispetto del distanziamento sociale; il titolare di un bar verrà sanzionato per non avere impedito la consumazione sul posto di cibi e bevande mentre ai 3 avventori sono state elevate contestazioni amministrative per avere consumato alimenti nelle immediate vicinanze dello stesso esercizio pubblico; il titolare di una panetteria verrà sanzionato per avere agevolato la consumazione sul posto di alimenti e bevande mediante il posizionamento di un tavolino e delle sedute sul marciapiede antistante il locale. I controlli continueranno ovviamente anche nei prossimi giorni.

Da parte del dipartimento Prevenzione sono infine in corso controlli ed esami su circa 1.200 persone rientrate dalla Gran Bretagna dove, come è noto, è stato individuato un virus Covid mutato e che starebbe impennando i contagi in tutto il Regno unito, in particolare a Londra. Sarebbero stati segnalati finora due casi oggetti di controlli.