Covid, Puglia sempre a due velocità. L’assessore Lopalco: “La trasmissibilità in calo da due settimane”. Numeri in rialzo in alcuni paesi

826

Gallipoli . Neanche 24 ore e la percentuale tra numero di testati e numero di postivi crolla dal 33% di ieri e l’11 di oggi (un punto sopra la media nazionale). Il bollettino epidemiologico delle Regione Puglia ci riporta alla “normalità” di altri 1.332 casi su 11.168 tamponi, di una Puglia spaccata in due e di 55 decessi registrati (messi insieme più giorni).

Ventisette i deceduti per Covid nel Foggiano con 314 contagiati; 15 nel Barese e 266 casi; un morto nella Bat e 289 casi (recuperati anche quelli di due giorni fa, nn comunicati). Soffre Taranto con 157 positivi e sette morti. Il Leccese si ferma a 165 positivi e tre decessi.

L’indice che semina speranze 

“I dati di un singolo giorno sono poco significativi – spiega al Tgr Puglia della Rai l’assessore Pierluigi Lopalco – abbiamo cominciato una fase di discesa. L’indice R con T (il livello di trasmissibilità di una malattia infettiva, ndr) è sotto l’1 da due settimane. La curva appare in discesa. Crediamo di poter dire che le prime vaccinazioni potremmo farle a fine gennaio”.

I guariti sono aumentati di 545 unità, hanno lasciato gli ospedali in 39 e gli isolati in casa sono aumentati di 770 persone. Infine la Terapia intensiva ha un nuovo malato.

A Casarano chiuso il Comune

Nel Salento ci sono spostamenti in rialzo in alcuni paesi, da Maglie (oltre la fascia dei 50), Alezio, Neviano, mentre Gallipoli è in discesa rispetto all’ultimo dato del rapporto Asl Lecce di venerdì scorso (56) e si attesta oggi a 48 casi. Sempre a Gallipoli da domenica partirà uno screening di massa con tamponi rapidi nell’area mercatale con il sistema del drive in (il test si fa senza scendere neanche dall’auto).

A Casarano domani, venerdì 11 dicembre, il Comune resterà chiuso per sanificazione degli uffici. Quest’oggi per lo stesso motivo è rimasto chiuso il comando di polizia locale.