Covid non scende da lassù, come dimostrano nuovi contagiati e decessi. A Gallipoli riprende il “drive in” per test gratuiti

1990
Il presidente della Provincia Minerva firma l’atto costitutivo

Gallipoli – Continua la campagna di prevenzione avviata dal Comune di Gallipoli per lo screening antigenico rapido per il Covid 19 (Sars Cov 2). Il sistema di prenotazione è disponibile sul sito del comune di Gallipoli per la data di domenica 31 gennaio a partire dalle ore 9 fino alle ore 13.

Presso il drive-in allestito sempre nell’area mercatale, il personale sanitario somministrerà il tampone e, nel caso di esito positivo, si attiverà la procedura prevista dal Dipartimento di Igiene e Sanità pubblica dell’Asl Lecce. Da subito scatterrà anche l’isolamento presso il proprio domicilio.

La campagna di screening è stata promossa dall’amministrazione comunale per le persone residenti a Gallipoli, non soggette a quarantena obbligatoria ed impossibilitate ad eseguire tampone rino-faringeo in strutture private.

“Offriamo così alla città un servizio importante – commenta il Sindaco Stefano Minerva – e mi auguro che ciò possa essere d’aiuto a chi ne ha realmente bisogno: fino ad ora abbiamo avuto riscontri favorevoli. Come sempre, dalla parte dei cittadini”.

Enrico D’Ambrosio

Passando al quadro generale in Puglia sono stati contati altri 1.233 casi registrati nelle ultime 24 ore su 11.802 test effettuati. Una percentuale che è quasi il doppio di quella nazionale. Altro dato pesante il numero dei morti che viaggia ormai – tranne che nell’ultimo fine settimana – sulla trentina (venerdì 31, giovedì 26, lunedì 32, martedì e oggi 30. Due i decessi in provincia di Lecce e altri 144 contagiati.

“Il vero polso della gravità della situazione in Puglia sono i morti – rimarca il dotor Enrico D’Ambrosio, oncologo di Taviano che sta monitorando l’andamento della epidemia rispetto d altre regioni italiane – e il dato sui tamponi, ieri poco meno di 12mila che sono però sempre pochi rispetto a Piemonte o Emilia, dove se ne fanno in media 20mila”.