Covid, giornata pesante: sfiorati i 500 nuovi contagi in 24 ore; 500 ora i ricoverati. Tornano in campo le Usca (Nord Puglia). Due classi in difficoltà nel Leccese

1395

Gallipoli – A tirare sono sempre le province di Bari e Foggia ma i riflessi di una giornata particolarmente pesante si vanno vedere anche nel resto della Regione: tutti numeri all’insù, dai 178 positivi al Covid individuati nel Barese ai 132 del Foggiano e ai 53 della Bat, fino agli 83 del Tarantino, dove appesantisce la situazione un’altra Residenza assistita per anziani con finora nove casi.

Brindisi conta 22 nuovi contagiati, Lecce 19. La somma presenta un conto inedito finora: ben 485 infettati dal coronavirus in 5.651 testati durante gli interventi a seguito di tracciamenti sviluppati da casi acclarati e con i quali si è venuti in contatto diretto. In percentuale si passa dal 6,1 all’8,6, stracciando una media che oscillava frequentemente dal 5 al 6%.

Più attivi che guariti

I pazienti guariti dall’inizio della epidemia sono oggi 5.886, compresi gli ultimi 196, superati abbondantemente  dai casi aggiornati attualmente positivi, schizzati a 6.279. Ma i ricoverati in ospedale e in Terapia intensiva sono saliti rispettivamente di dieci e di otto, fermandosi ad un paso dai 500, precisamente 448 i primi e 50 i secondi. Con un decesso nel Barese: un operatore di Telebari di 54 anni.

Da approfondire il dato riguardante la provincia di Lecce. Fonti dell’Asl spiegano che si tratta di casi di settembre e metà ottobre ancora non registrati nei report ufficiali. Riferendosi al quadro generale il neo assessore alle Politiche della Salute, prof. Pier Luigi Lopalco afferma: “Purtroppo le previsioni di crescita della curva epidemica a metà settimana sono confermate”.

Il commento dell’assessore Lopalco

Pierluigi Lopalco

“L’elevato numero dei casi di oggi – prosegue Lopalco – è sostenuto anche dall’aumento consistente dei positivi in provincia di Taranto. La situazione sul territorio è al momento sotto controllo grazie all’enorme sforzo di risorse messe in campo dai dipartimenti di prevenzione. Rimane forte il nostro appello ad evitare nel proprio contesto familiare e di lavoro ogni occasione di contagio”.

Ripartono intanto le Usca (Unità sanitarie di continuità assistenziale) nate per seguire e monitorare le situazioni degli isolati in casa che ammontano a 5.681 persone, con le 270 di oggi. Erano state sospese durante l’estate quando c’erano 200-300 isolati. E ripartono da una delle realtà maggiormente colpite, il Foggiano. Agli Ospedali riuniti del capoluogo si sono registrati cinque casi di positività tra medici e infermieri, tutti ricoverati per un contagio partito dall’ambito familiare di uno di loro.

Castrì, due classi in isolamento con i docenti

Tra le scuole in fermento ci sono la Media di Sava (una classe) e la Primaria di Castrì di Lecce, dove un insegnante positivo ha comportato l’isolamento di due classi e dei relativi docenti. Ad Altamura sono arrivati a 309 i casi; a Gravina 26 in un solo giorno (più di quanti ne avevano contati in tutto il periodo precedente). Ad Adelfia infine chiuso un centro anziani per prevenzione ed anche una chiesa per un cresimando risultato positivo.