Corsano, al via i laboratori di cartapesta a cura della Pro loco

Mani in pasta, tra farina e fogli di giornale per preparare i pupi che sfileranno sui carri del Carnevale

923

Corsano – Mani in pasta, tra farina e fogli di giornale. E poi si va a modellare una figura, un pupo, colorandola e collocandola sul mini carro allegorico che sfilerà lungo le strade nella prossima edizione del Carnevale 2019. Sembra semplice? L’unico modo per scoprirlo è mettersi in gioco. Non ci sono limiti di età e di provenienza per chi volesse partecipare ai laboratori di cartapesta denominati “Arte di carta”, organizzati dalla Pro loco di Corsano. Il primo appuntamento è per domenica 28 ottobre, a partire dalle 16, presso l’auditorium comunale “l’Orologio” di Corsano, e a seguire tutte le domeniche di novembre, dicembre e gennaio.

I vecchi carristi hanno già da un mese iniziato i lavori per il prossimo carnevale – afferma il presidente della Pro loco, Salvo Bleve. – Ci saranno anche loro a dare il proprio contributo ai laboratori, con i quali vorremmo che, specialmente le nuove generazioni, imparassero l’antica arte e portassero avanti la tradizione”. Prima di iniziare un pensiero andrà a Marco Ciardo, a cui saranno intitolati i laboratori, membro della Pro loco, scomparso qualche mese fa all’età di 40 anni, lasciando la moglie e due figli. “Marco ci manca tanto, era un consigliere del direttivo e si dava sempre da fare – continua il presidente. – Era doveroso pensare a lui e ringraziarlo per il lavoro che ha svolto nella Pro loco e per il carnevale. Davvero si sente la sua mancanza”.

I laboratori sono realizzati con la collaborazione dell’Amministrazione comunale, attraverso l’assessore Antonella Nicolì, e del CCR (il Consiglio comunale dei ragazzi) dell’Istituto comprensivo “Biagio Antonazzo”. Sarà prevista una parte teorica e poi tanta pratica “per stimolare principalmente le abilità creative, artistiche e manuali”, dicono gli organizzatori.

La sfilata dei carri nel Carnevale di Corsano e del Capo di Leuca ha una storia lunga 37 anni, e proprio per sostenere la tradizione sono nati i laboratori, anche per creare degli eventi collaterali alle giornate clou della sfilata. “L’iniziativa è stata accolta con entusiasmo da tutti i cittadini di Corsano – continua Bleve – che hanno subito condiviso e commentato positivamente sui social. Vediamo adesso in quanti si presentano! In base agli iscritti si formeranno i gruppi – spiega Bleve. – Ancora non abbiamo un’idea definita di quello che vorremmo realizzare, ma ci saranno i carristi che sapranno sicuramente indirizzarci”.