Coronavirus: sostegno psicologico, mascherine, odontoiatri solidali. Rischio “speculazione sui prezzi” nei piccoli paesi

987
Mascherine artigianali a Parabita

Gallipoli – Passano i giorni e l’emergenza da Coronavirus diventa anche psicologica: per questo in molti comuni si attivano servizi di supporto, on line o telefonici, al fine stare vicino a quanti soffrono l’attuale situazione non riuscendo a gestire ansie e timori. A Ugento il Centro di educazione ambientale Posidonia mette a disposizione della cittadinanza la consulenza (gratuita) della dottoressa Alice Marchese Peluso (347/9801874).

Anche il Comune di Castrignano del Capo ha attivato il servizio di assistenza psicologica telefonica gratuita, “per gestire al meglio lo stress dello stare a casa”, attivo il lunedì,  mercoledì e venerdì dalle ore 15 alle 19 (telefonando al numero  0833/1826713). A Casarano il centro di psicologia e neuroscienze “Nova Mentis” fornisce un servizio di supporto telefonico (gratuito) attraverso i professionisti psicologi e psicoterapeuti (i contatti sono sul profilo facebook del Comune, ente che sostiene l’iniziativa) al fine di dare sostegno a quanti hanno bisogno di un sostegno per gestire dubbi, timori e paure causate dall’emergenza Covid-19. Uno dei primi Comuni a muoversi in tale direzione è stato quello di Maglie. 

Ai medici della Asl i dispositivi di protezione degli odontoiatri

Gli Odontoiatri salentini hanno deciso, tramite la loro Commissione, di donare alla Asl i “dispositivi di protezione individuale” già disponibili presso i propri studi, “nell’ottica di salvaguardare chi è oggi in prima linea contro la malattia, vista la situazione di urgenza ed emergenza”.

A questa iniziativa ne seguiranno altre. «Purtroppo la lotta sarà lunga e difficile – afferma il presidente della Commissione Salvatore Caggiula (di Gallipoli, nella foto) – e noi Odontoiatri stiamo facendo e faremo sicuramente la nostra parte». La prima parte dei Dpi dovrebbe essere consegnata giovedì prossimo presso la sede Asl di via Miglietta a Lecce.

Il pagamento delle pensioni alle Poste

Poste italiane fa sapere che le pensioni di aprile saranno accreditate in anticipo, ovvero il 26 marzo, per i pensionati titolari di conto BancoPosta, libretto di risparmio o  Postepay evolution mentre quanti sono costretti a ritirare la pensione in contanti in ufficio postale dovranno presentarsi agli sportelli secondo la ripartizione dei cognomi (qui tutte le date).

In previsione delle possibili piogge dei prossimi giorni, intanto, il sindaco di Parabita Stefano Prete ha fatto predisporre un corridoio coperto sul piazzale dell’ufficio postale cittadino al fine di evitare assembramenti nell’unica zona con tettoia dell’ufficio stesso. Lo sportello di via Luigi Ferrari, in questo periodo di emergenza, dallo scorso 20 marzo rimane aperto il martedì e giovedì dalle 8.20 alle 13.35 ed il sabato dalle 8.20 alle 12.35.

Solidarietà e mascherine

A Gallipoli i volontari del centro Caritas della parrocchia San Gabriele dell’Addolorata ha confezionato di 1500 mascherine protettive artigianali, donandole a quanti ne hanno avuta necessità. Altra iniziativa di solidarietà a Torre San Giovanni (marina di Ugento) dove alcuni volontari hanno realizzato delle mascherine artigianali distribuite gratuitamente dapprima a parenti e amici e poi a quanti ne hanno fatto richiesta, anche agli esercenti rimasti privi di dispositivi di protezione (qui informazioni). La Pro Loco Gemini-Torre S.Giovanni-Torre Mozza “Beach” sta investendo la somma di 588 euro per realizzare 1.800 mascherine lavabili, che saranno consegnate gratuitamente alla popolazione.

A Parabita alcune giovani donne, a titolo puramente volontario, stanno cucendo mascherine da distribuire a operatori ecologici, protezione civile, amministratori, operatori di Croce Rossa e semplici cittadini che ne hanno bisogno. L’idea, nata spontaneamente, va avanti già da qualche giorno grazie all’impegno di alcune volontarie. Per continuare a realizzarle, però, fanno sapere ora le volontarie, servono elastici e cordicine (chiunque le avesse a disposizione e volesse donarle può contattare il sindaco Stefano Prete o l’assessore Francesca Leopizzi). Tutti gli oboli volontari raccolti, per chi invece volesse contribuire con un’offerta saranno devoluti in beneficenza al reparto di Oncologia pediatrica di Lecce.

Nel Capo di Leuca la signora Lucia Manco e la figlia Sofia Vantaggio, di Morciano, grazie anche all’aiuto e alla generosità del vicinato, hanno realizzato e donato circa mille mascherine realizzate in cotone e lavabili. Duecento sono state destinate al vicino comune di Patù. Simili iniziativa (a carattere gratuito) a Lucugnano di Tricase (con la sartoria Stylmor di Ada Amato) e a Sternatia dove 30 casalinghe hanno realizzato 2.500 mascherine con il sostegno dell’Amministrazione comunale e la collaborazione del Comitato festa patronale.

Nei piccoli paesi “rischio speculazione” sui prezzi