Coronavirus: Galatone si racconta in un docu-film. Ecco i servizi in città per affrontare l’emergenza

4865

Galatone  – A Galatone la quarantena la raccontano i cittadini: si chiama “Collegàti” il docu-film che l’Amministrazione comunale, in collaborazione con l’agenzia di comunicazione Rubik, produrrà grazie ai contributi video dei residenti. «Cosa filmare? Quello che facciamo in casa, quello che pensiamo, come riusciamo a restare collegàti anche se isolati»: è possibile inoltrare la propria clip fino alle 23:30 del 25 marzo collegandosi a www.rubikdigitale.it/collegati.

«L’obiettivo – fanno sapere dal Comune – è raccontare la giornata di isolamento dei Galatonesi, tramite un collage di musica e video. Ognuno può filmarsi al risveglio, durante la colazione, le pulizie, il gioco, il pranzo, le attività pomeridiane, le ore serali. E ancora pensieri, giochi, racconti, idee, situazioni domestiche, considerazioni, un frammento qualsiasi della propria giornata, un momento da ricordare o assolutamente normale».

Il supporto psicologico

È solo una delle numerose iniziative messe in campo da Palazzo dei Domenicani durante il difficile periodo in atto: in sinergia con la cooperativa di Comunità eLabora c’è lo sportello di ascolto psicologico (dal lunedì al venerdì, dalle 17 alle 20, a 327/9934455). Parte dall’assessorato alla Pubblica istruzione l’appello alla condivisione di attrezzature elettroniche per facilitare la didattica a distanza per le famiglie che ne hanno bisogno.

C’è la Protezione civile a coordinare le operazioni per la consegna di mascherine a chi ne avesse bisogno, con il materiale donato da aziende locali e la realizzazione affidata ad alcune sarte della città (ad oggi il totale è di 1.117). Fino alla scorsa settimana, un calendario istituzionale ben definito lanciava i flash-mob musicali, ora sostituiti da un minuto di silenzio per le vittime: domenica prossima alle 12 l’invito è quello di aderire alla proposta del paesologo Franco Arminio e dedicare 5 minuti di silenzio per chi è morto in questa situazione di totale emergenza senza avere intorno i suoi familiari. Continuano, intanto, gli appelli sul canale istituzionale del Comune di medici di Galatone impegnati al nord nell’emergenza, e di personalità della società civile che invitano ad una condotta “responsabile”.

I controlli in città

Il sindaco Flavio Filoni tiene aperti i canali di comunicazione con i cittadini con un bollettino giornaliero sulla situazione sanitaria (al momento si registra un caso di positività, ma di una cittadina domiciliata da tempo fuori dal territorio), le misure di assistenza e i controlli della polizia locale (ad oggi 435 sono i controlli stradali, 151 ad ad attività commerciali con 12 persone deferite), e anche attraverso la diretta domenicale nella quale attraverso la pagina facebook del Comune risponde direttamente alle domande dei galatonesi.

L’Amministrazione comunale ha pure chiesto al gestore dei servizi cimiteriali di rimuovere eventuali fiori appassiti dai loculi e cappelle aperte (per le cappelle private si possono conttattare i numeri 347/3340185 e 327/5841646). Dalle 8 alle 20 è sempre attivo il numero per l’assistenza alla popolazione 366/6310075 per i servizi domiciliari per l’acquisto di beni di prima necessità.