Coronavirus e spiagge: dalla Regione Puglia via libera alla sistemazione dei lidi

1759

Gallipoli – Compare un piccolo salvagente all’orizzonte di una stagione estiva per il momento ancora in alto mare.

In attesa di sapere quando e con quali modalità si potrà tornare sulle spiagge malgrado l’emergenza Coronavirus, ieri il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha firmato l’ordinanza che consente di procedere con i lavori di manutenzione, sistemazione, pulizia, allestimento e installazioni nelle spiagge in vista della ormai imminente stagione estiva, “purché non si tratti di esecuzione di nuove opere e sempre che questi lavori avvengano nelle aree in concessione”.

Per gli interventi in questione, inoltre, è fatto obbligo di adottare “ogni misura di contrasto e contenimento della diffusione del contagio negli ambienti di lavoro”. L’ordinanza nasce per la necessità di avviare tempestivamente i lavori di manutenzione e di allestimento di spiagge e stabilimenti in vista della stagione estiva a garanzia della ripresa dell’operatività di un settore strategico per l’economia della Puglia, caratterizzata, come specificato, da una “storica e consolidata vocazione turistica”.

L’attesa “fase 2”

L’ordinanza in questione ha validità sino al prossimo 3 maggio, quando scadranno le attuali misure anti contagio stabilite dal decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri del 10 aprile scorso e quando, come tutti sperano, si entrerà nella cosiddetta “fase 2” dell’emergenza, con le attese “aperture” per il settore produttivo.

Di ieri è l’intervento con il quale il presidente di Federbalneari Salento, Mauro Della Valle, nel bocciare l’ipotizzato uso del plexiglass con finalità protettive ha indicato quali sono le soluzioni allo studio per garantire una fruizione sicura delle spiagge: assembramenti da evitare, accessi su prenotazione da incentivare, aree gioco bandite e altre accortezze per non correre rischi.