Coronavirus a Gallipoli: noleggio con conducente attivo; circolo privato aperto; con il cane ma dalla parte “sbagliata”

2071

Gallipoli – Sono sette le persone denunciate nelle ultime 24 ore dalla Polizia a Gallipoli per inosservanza all’obbligo di restare in casa impartito dalla Presidenza del Consiglio dei ministri per limitare il contagio da Coronavirus.

Il Commissariato di pubblica sicurezza di Gallipoli ricorda che la violazione dell’art. 650 del codice penale prevede la pena dell’arresto fino a tre mesi o l’ammenda fino a 206 euro.

Noleggio con conducente: musica a tutto volume  

Domenica mattina, come se nulla fosse, gli agenti hanno sorpreso tre gallipolini chiacchierare all’interno di un circolo privato del centro storico di Gallipoli: sono stati denunciati per violazione dell’art. 650 del codice penale e segnalati per ulteriori controlli amministrativi.

Sempre gli agenti del Commissariato ieri hanno denunciato il titolare di una ditta di noleggio con conducente sorpreso nel diffondere musica ad alto volume al fine di attirare l’attenzione dei passanti ed incentivare così gli spostamenti collettivi attraverso i minibus. Un 62enne, residente a Sannicola, è stato sorpreso nelle vie di Gallipoli senza poter fornire un’adeguata motivazione.

Con il cane, ma dalla parte sbagliata

Nel pomeriggio di ieri, invece, due automobilisti (imparentati tra di loro) hanno invertito la marcia alla vista della  pattuglia, insospettendo gli agenti che subito li hanno fermati per comprendere la motivazione del loro spostamento: “Stiamo andando a Lido Pizzo per portare il cane e correre” è stata la spiegazione fornita, ma non sufficiente ad evitare la denuncia, in quanto è stato appurato che abitando le stesse sul versante opposto della città, avrebbero potuto portare il cane a spasso e svolgere attività motoria con più facilità.