“Contro l’incubo incendi approvare il piano del parco naturale”: imprenditore turistico suona l’allarme a Comune di Gallipoli, Prefettura, Provincia e Regione

1014
Uno dei tre incendi sviluppatisi durante la scorsa estate

Gallipoli – Approvare e realizzare il piano del parco naturale regionale Isola di Sant’Andrea e litorale di Punta Pizzo, istituito nel 2006; elaborare e attuare un piano di sicurezza e di prevenzione incendi, anche sfruttando le più recenti tecnologie per la prevenzione e controllo degli incendi boschivi e delle aree naturali: torna a chiederlo Attilio Caputo, a nome della società Caroli Hotels e forte del fatto di trovarsi nel cuore del parco naturale in cui ha realizzato decine e decine di iniziative per la valorizzazione.

Il nemico numero uno, sempre in agguato, sono gli incendi molto spesso di natura dolosa: tre i principali lo scorso anno, uno quest’anno. “La situazione attuale crea problemi di sicurezza degli ospiti della struttura ricettiva e degli ospiti in generale – puntualizza l’imprenditore – che possono portare gravissime conseguenze”.

Tra i danni concreti contati finora il direttore del gruppo alberghiero annovera “la perdita della biodiversità naturale dell’intera area con ripercussioni durature nel tempo e l’aumento della superficie delle aree percorse dal fuoco”.

La mancata approvazione del piano del parco – sottolinea Caroli – redatto nel 2014, di fatto impedisce uno sviluppo regolamentato dell’area intesa come risorsa naturalistica, favorendo tra l’altro fenomeni di abusivismo diffuso”. Pertanto si torna a ribadire le richieste già avanzate “con la massima urgenza”. I destinatari sono tanti: per il Comune di Gallipoli si sollecitano il sindaco Stefano Minerva, il presidente del Parco  Gianluigi Barone (di Nardò), le responsabili degli uffici comunali di Sportello unico edilizia e Demanio.

Sono chiamati in ballo davanti ad una situazione riconosciuta come urgente da più parti, la Prefettura, la Provincia di Lecce e per la Regione puglia, il presidente della giunta regionale, l’assessore all’Ambiente, i vari uffici che si occupano di assetto del territorio, valorizzazione e tutela delle risorse naturali e della biodiversità, gestione sostenibile e tutela delle risorse forestali e naturali, valorizzazione del paesaggio.