Confindustria Lecce: Luciano De Francesco nuovo presidente della sezione metalmeccanico-impiantistica. Ecco il nuovo direttivo

941

Lecce –  È Luciano De Francesco il nuovo presidente della sezione metalmeccanico-impiantistica di Confindustria Lecce. Ha sede a Surano la Dfv srl, l’azienda di famiglia da circa 50 anni leader nel mercato della verniciatura di estrusi e laminati in alluminio per uso architettonico e industriale e nel settore delle decorazioni effetto legno con tecnologia polvere su polvere (ha stabilimenti anche ad Agrigento e Venezia ed opera all’estero con join-venture in Australia e Brasile).

La recente assemblea di sezione ha eletto i delegati al Consiglio generale che sono Giampiero Fedele (della Lasim Spa di Lecce) e Antonio Gratis (Nardò technical center srl). Componenti del Consiglio direttivo di sezione, insieme al presidente e allo stesso Gratis, sono Lorenzo Dimo (della DimCar srl di Ugento), Donato Pascali (Meccanica meridionale srl di Lecce), Antonio Rizzelli (Tr Inox srl di Specchia), Elena Greco (Poliflex srl di Calimera) e  Antonio Pisanò (Ilmea srl di Lecce), quest’ultimo pure delegato al comitato Piccola industria.

“Servizi da garantire”

«Il settore metalmeccanico è un’importante realtà della provincia di Lecce», ha affermato De Francesco, ringraziando i colleghi per la fiducia accordatagli ed in particolare l’uscente Donato Pascali, “il quale, in questi anni, ha supportato le imprese nelle fasi alterne dei cicli economici, cercando di fornire altresì spunti per migliorare l’appeal del territorio».

«C’è un grande bisogno di nuove aziende e mi adopererò affinché il nostro Salento abbia un numero adeguato di zone industriali fruibili e dotate di tutti i servizi primari. Non è tollerabile che esistano ancora aree industriali senza acqua, fogna e metano, per non parlare della banda larga. Cercherò – ha affermato De Francesco –  con il contributo dei colleghi, di portare queste istanze in tutte le sedi competenti, spiegando le ragioni degli imprenditori, perché ritengo che non ci possa essere sviluppo senza impresa. E’ un circolo virtuoso al quale occorre puntare, nel quale metto al primo posto certamente il recupero delle gravi carenze infrastrutturali, materiali ed immateriali, delle zone industriali della nostra provincia».

Il problema dei collegamenti

Altro problema quello dei collegamenti con il resto del Paese e del mondo. «Per destare rinnovato interesse e favorire investimenti in tutti i comparti, non solo nel metalmeccanico, – conclude De Francesco – il territorio deve diventare fortemente attrattivo sul fronte degli incentivi. Questo genererebbe un indotto che porterebbe alla crescita del sistema economico nel suo complesso». In prospettiva ci sono collaborazioni con il mondo universitario e della ricerca, oltre che con quello della formazione, sia per imprenditori e manager, sia per i lavoratori.

«Il settore metalmeccanico è un sistema fondamentale per l’economia del territorio e sono certo che Luciano De Francesco e i suoi colleghi interpreteranno e rappresenteranno al meglio i bisogni del territorio. Confindustria Lecce farà la propria parte per sostenere le iniziative della Sezione: le nostre imprese sono di alta e altissima gamma, hanno professionalità talentuose e competenze di elevato profilo, che devono essere messe nelle condizioni di lavorare al meglio e creare sinergie positive per tutto il territorio», ha concluso il presidente di Confindustria Lecce Giancarlo Negro.