Concorso Presepi 2020 della Pro loco Salento: da Cremona a Catania i partecipanti. Di Parabita il vincitore

1283

Casarano – Di Parabita, Grado, Treviso e Milazzo i principali vincitori della undicesima edizione de “I presepi 2020” organizzata dall’associazione turistico culturale Pro loco Salento di Casarano. Nato in origine per far conoscere i presepi salentini, si è trasformato in una vetrina di numerosi presepi – ben 67 quelli in gara – da quelli familiari, a quelli nelle scuole e nelle chiese, “accomunati da un senso di religiosità che trasuda anche dalle foto presentate”, come sottolineano gli organizzatori.

Il compito di decretare i vincitori è stato assegnato ai soci dell’associazione Pro Loco del Salento. Questi i premiati di questa edizione.

Il presepe vincitore

Il presepe preferito in assoluto della XI edizione è il numero 46 realizzato da Alessio Oldebrandini di Parabita. Il presepe è stato realizzato interamente a mano curando ogni piccolo particolare, i materiali utilizzati sono: polistirene, stucco cementizio e fogli di balsa. È ambientato in un borgo antico con i vari mestieri, con  moltissimi oggetti, sul lato destro è rappresentata la natività.

L’illuminazione del presepe è interamente a diodi led, i lampioncini a muro e d’appoggio sono interamente fatti a mano. I personaggi sono rigorosamente fatti a mano in terracotta alti dieci centimetri.

La foto più bella e il più artistico

La foto più bella e significativa è del presepe è quella scattata da Lorenzo Boemo di Grado (Gorizia) che riproduce un affresco della Natività.

Il presepe più artistico a pari merito è risultato essere quello di Enrico Pavan di Breda di Piave (Treviso) e quello di Antonio Donato di Milazzo (Messina). Le due creazioni sono realizzate a mano con un’attenzione particolare delle scene.

Il più scenografico  originale

Il Presepe più scenografico è stato realizzato da Marcellino Rosetta di Bagnolo Cremasco (Cremona): si tratta di un presepe che conta oltre cento scene con personaggi e oggetti in movimento è completamente fatto a mano e rappresenta la vita durante la nascita di Gesù

I presepi più originali sono stati quello di  Vincenzo e nzo ed Antonio Scalera di Maddaloni (Caserta) realizzato in terracotta e ricco di particolari e quello di Claudia Leonardi, Domenica Lacchè, Stefania Bozzitelli e Pino Multari allestito presso la Parrocchia San Giuseppe Cafasso di Roma. Il presepe con il soggetto più interessante con 32 sculture realizzate in pietra locale da Domenico Mitidieri di Trebisacce (Cosenza).

Altri riconoscimenti

I presepi con più preferenze sul social Facebook sono stati quelli realizzati dai ragazzi della Scuola primaria Linguaglossa (Catania) utilizzando materiale riciclabile tra cui pigne, ritagli di stoffa, nastri e quello artigianale realizzato artigianalmente da Sebastiano Capogna di Bari Santo Spirito.  Per la categoria Più foto di soggetti diversi va a Pasquale La Rocca di Baronissi (Salerno) che ha inoltrato diversi presepi.

“Un ringraziamento da parte nostra – rilevano dall’associazione casaranese – va a tutti i concorrenti che ad ogni edizione ci onorano con le loro straordinarie opere, alcuni di loro ormai ci seguono sin dalla prima edizione; alla giuria per la disponibilità, la pazienza, la professionalità e l’imparzialità dimostrata nel selezionare e decretare i vincitori”.

Tutte le foto dei presepi in concorso, incluse quelle delle passate edizioni, sono visibili sul sito http://www.prolocosalento.it