Con “Made in orto” a Nardò campagna da vivere in modalità slow

2192
Francesca, Giovanni e Silvia Margarito

Nardò – L’azienda agricola neretina Oliopoli-Margarito rappresenta la quarta generazione della famiglia che da anni si dedica al mondo dell’agricoltura. Una storia con radici ben salde nel patrimonio culturale e tecnico tramandato da generazioni di agronomi.

Da quest’esperienza oggi nasce “Made in orto”, l’orto aziendale metafora di uno stile di vita che intende conoscere e rispettare i ritmi della natura, assaporandone i frutti. Il mondo agricolo ha un tempo tutto suo, scandito dai processi naturali, lontano dalle lancette dell’orologio: la lentezza diventa così parte integrante di uno stile di vita che non costringe a inseguire, ma dà il tempo di ammirare un tramonto, di sorridere, di sorprendersi.

Ritrovare tempi e colori della natura

Per gestire un orto ci vogliono dedizione, impegno e competenze – spiega Francesca Margarito, social media strategist, agrotecnico e co-fondatrice di “Made in orto”. – L’orto ha le sue stagioni, le varietà locali di verdure, le varietà dimenticate e quelle nuove. Occuparsene significa rispettare i tempi che non sono scanditi dai secondi, ma dal ritmo della natura. Si vive l’attesa positivamente, si conoscono i tempi che segnano le stagioni e i colori”.

Per scelta aziendale, tutte le coltivazioni si effettuano in pieno campo – prosegue l’agronomo Giovanni Margarito, anche lui tra gli ideatori dell’iniziativa –, in modo da far sentire ai prodotti il contatto con la natura: terreno, acqua piovana, sole, vento, freddo, brinate, anche le deleterie gelate. L’intento è quello di far percepire gli odori della terra, e la scelta di incontri in azienda serve proprio per far toccare con mano la genuinità dei nostri prodotti”.

La campagna di “Made in orto”

Attività sul campo

Sarà infatti possibile visitare l’orto, soprattutto con i bambini, passeggiare all’aria aperta e prendersi qualche minuto di relax a stretto contatto con la natura: un piccolo viaggio sensoriale attraverso i profumi, gli odori e colori di un ambiente lontano dai frenetici ritmi della città.

Made in Orto è un punto di partenza per un progetto più ampio, vorremmo farlo diventare un luogo in cui far riscoprire la bellezza e la biodiversità della campagna salentina, sia ai turisti sia ai salentini stessi, presi dal ritmo frenetico delle loro vite e dalla città. Tour, laboratori, agrigym, degustazioni non a km zero… ma cm zero (siamo ancora più vicini!); queste sono solo alcune delle iniziative che realizzeremo, applicando tutte le accortezze necessarie per poterlo fare in piena sicurezza”, conclude Silvia Margarito, fisioterapista e tra i fondatori di “Made in orto”.