Comune di Parabita: è pugno duro sulle tematiche ambientali

3484

rifiuti aro firma protocollo d'intesa con il conai - a destra sindaco alfredo cacciapaglia . in alto . e Pinoo Petruzzi seduto - parabitaPARABITA. Pugno duro del Comune sulle tematiche ambientali. Mentre prosegue una costante opera di bonifica delle discariche a cielo aperto individuate sul territorio (l’ultima lo scorso 11 gennaio con lo sgombero di un’area inquinata da copertoni e materiale di risulta), scattano anche alcuni controlli a campione sulla raccolta differenziata. Da gennaio 2014, infatti, il Comune di Parabita, in collaborazione con la Igeco Spa, la società che gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti “porta a porta”, avvierà delle ispezioni sul corretto conferimento dell’utenza, con azioni di sensibilizzazione mirate a reprimere comportamenti poco virtuosi. L’obiettivo è anche quello di incentivare di almeno 5 o 6 punti percentuali il modesto 18% su base annua fin qui raggiunto, anche per evitare l’aumento sulla tassa sui rifiuti solidi urbani che potrebbe derivare dal mancato rispetto dei parametri regionali e, dunque, da un aumento dell’ecotassa e dei costi di conferimento in discarica.

Multe salate (anche fino a 600 euro) in arrivo, perciò, per chi non rispetta il regolamento o abbandona i rifiuti sul suolo o nelle acque superficiali e sotterranee. Tra le regole da rispettare (consultabili sul sito www.parabitaperlambiente.it), l’utilizzo dei contenitori in dotazione (che vanno esposti entro le 5 del mattino) e il rispetto del calendario dei conferimenti. Continua nel frattempo anche il prelievo dei contenitori con ruote in possesso alle utenze domestiche nelle contrade, che saranno tenute a ritirare il nuovo kit presso il deposito Igeco sulla strada provinciale Matino-Taviano. È’ già partito, intanto, il protocollo d’intesa firmato dai Comuni facenti parte dell’Ambito di Raccolta ottimale 9 di Lecce (Parabita – ente capofila-, Miggiano, Specchia, Matino, Montesano Salentino, Ruffano e Casarano) con il Conai (Consorzio nazionale imballaggi). Il progetto, di durata annuale, consentirà di coordinare i sette Comuni in un piano unitario per la raccolta dei rifiuti, lavorando per un passaggio da un sistema di gestione basato sulle discariche ad uno incentrato sul recupero e loro riciclo.