“Come sarà la copertura del Mercato del pesce in piazza del Porto”: Sindaco e assessore lo raccontano

1995

Gallipoli – Un intervento “urgente e necessario per risolvere uno dei problemi più sentiti della città”; la copertura in legno dei box “non più in grado di reggere un’altra stagione: questa consapevolezza”; armonizzare la piazza del porto e la sua funzione al valore architettonico particolare del sito: queste le principali motivazioni alla base delle indicazioni per la preparazione del progetto e la partecipazione al bando sulla pesca del Gal “Terra d’Arneo”.

Raccontano la genesi dell’opera – preannunciata da piazzasalento.it incluso il particolare di una postazione superiore ai punti vendita tipo terrazza belvedere – il Sindaco Stefano Minerva e l’assessore ai Lavori pubblici Biagio Palumbo, in una nota diffusa oggi.

I box incapsulati in una copertura

I segni del tempo sul mercato del pesce, “costituito da una stecca principale di box di vendita del pescato di modeste dimensioni, forniti di cella frigorifera e banco vendita e dotati di una saracinesca di chiusura, presenta ad oggi delle pecche che minacciano di compromettere l’attività di vendita. Purtroppo, con il passare del tempo, la copertura in legno dei box sotto l’azione del sole estivo e delle intemperie invernali, non è in grado di reggere un’altra stagione: i listelli dell’orditura esterna non sono più assicurati al telaio delle travi principali e secondarie. Allo stesso modo, in diversi punti della struttura, le assi di legno sono marcite e i chiodi non hanno più presa”, si legge nella nota comunale.

Stante la precarietà delle strutture edilizie originali e della situazione economica attuale, l’Amministrazione Comunale ha richiesto che fosse cercata una soluzione che non gravasse né sulle strutture edilizie esistenti, né sull’attività di vendita, studiando delle ipotesi che potessero conciliare queste due esigenze, escludendo di fatto la demolizione e ricostruzione dell’intera stecca”, racconta il Sindaco Minerva.

Particolari tecnici e il “belvedere”

La struttura scelta, dopo averne valutate alcune, “si compone di pilastri e di travi di bordo con profilo ad L, di tegoli con sagome differenti e a forma trapezia e “anima” a T. L’intera struttura non avrà alcun punto di contatto con il fabbricato esistente ma potrà accogliere, in un futuro, la nuova struttura che ad essa potrà essere collegata quando sarà il tempo di rifare completamente tutti i box di vendita”.

Inoltre, “la portanza dei tegoli di copertura è stata studiata in modo tale da consentire di utilizzare il nuovo solaio per formare un belvedere, che verrà realizzato proprio in corrispondenza della curva finale della rampa di collegamento al Centro storico”.

L’intervento sulle coperture attuali urgente

La piccola pensilina che viene a crearsi dinanzi ai banchi di vendita – afferma l’assessore Palumbo – consentirà il miglioramento delle condizioni di lavoro, ma garantirà anche la qualità del prodotto proteggendolo dai raggi solari diretti, durante le ore diurne, consentendo così lo smontaggio delle tende da sole precarie restituendo decoro all’intera area. La pensilina darà, inoltre, la possibilità agli avventori di poter effettuare agevolmente gli acquisti anche durante i giorni piovosi”.

Ad accompagnare la progettazione dell’opera è stato il presidente della commissione Ambiente e Pesca, Cosimo Nazaro: “In qualità di presidente della commissione, ho prestato molta attenzione alla tematica, nei ripetuti incontri e sopralluoghi. Il comparto della pesca è essenziale per la nostra città perciò deve essere quanto più tutelato”.

L’importo del progetto, che parteciperà al bando  del Gal, è di 250mila euro.