Clean up Tricase all’opera: ambiente ripulito anche da rifiuti “particolari”

574

Tricase – L’associazione CleanUp Tricase, attiva per garantire tutela e la pulizia dell’ambiente, torna a far parlare di sé.  Nella giornata di ieri, infatti, un gruppo nutrito di volontari ha investito tempo ed energie per ripulire (in zona Gonfalone) le stradine rurali e le campagne immerse da rifiuti di ogni genere.

Dietro i muretti a secco, tra i fiori di campo e le erbe aromatiche, i volontari hanno trovato e rimosso cumuli di rifiuti di ogni genere. Tra gli oggetti recuperati, copertoni enormi, televisori, frigoriferi, un water, ghiaccioli da borsa frigo, tazzoni, tantissime cartucce da caccia, bottiglie di vetro, contenitori in plastica, vetrate frantumate, polistirolo, ombrelli ma anche una vecchia macchina da cucire singer, un iphone 4 e pure completini sexy e manette per giochi erotici.

Rifiuti “particolari”

Tra i fondatori dell’iniziativa c’è il presidente Gabriele Vetruccio, che racconta: «L’idea di Clean up è nata nel 2017 da un sogno collettivo e condiviso, quello di lavorare per una città pulita. Ogni domenica, da tre anni e mezzo, lavoriamo per pulire l’ambiente che ci circonda e nonostante il passare del tempo l’impegno è sempre crescente». Attualmente il gruppo conta circa 110 iscritti con 30–40 volontari operativi sul territorio a rotazione.

Oltre agli interventi per la rimozione di rifiuti e la cura del verde sul territorio, Clean up si muove anche per sensibilizzare sulle regole della raccolta differenziata e per incentivare i cittadini a non sporcare quello che è “il territorio di tutti”. «I luoghi che ripuliamo vengono sporcati immediatamente, anche il giorno dopo, perché le abitudini sono il vero problema ed è su quelle che bisognerebbe intervenire», conclude il presidente.

Il plauso del Sindaco

«Sono un’associazione che ci arricchisce attraverso una costante azione di sensibilizzazione ed educazione ambientale che compiono dando esempi concreti. Siamo consapevoli – afferma il sindaco Antonio De Donno – dell’importanza che l’azione di “Clean up” ha sul nostro territorio e siamo pronti a sostenerla».