Cinquecento sacchi di rifiuti in meno sul litorale tra Gallipoli e Sannicola: venuti a pulire oltre 200 volontari e 25 associazioni da tutta la provincia. “Ne faremo altre”

5471

Gallipoli – Sannicola – Servono sia i numeri che le sensazioni di chi c’era, per descrivere il successo del grande intervento di pulizia collettiva andato in scena ieri pomeriggio sul litorale di Gallipoli e Sannicola. Una fiumana di volontari da tutta la provincia, organizzati dal Coordinamento ambientale Salento, si sono riversati sulle marine ioniche a partire dalle 16,30.

“C’è stata molta più partecipazione del previsto, tutte le associazioni che hanno contribuito sono restate veramente galvanizzate dalla riuscita dell’iniziativa”: lo dice Emanuele Zuccalà di Galatone, portavoce del  coordinamento , che snocciola i numeri.

Stando alle associazioni che avevano aderito – sottolinea – ci aspettavamo 160 volontari ma, numeri alla mano con tanto di autocertificazioni anti-Covid, ben 207 persone hanno contribuito a ripulire l’area. Abbiamo prodotto 500 sacchi di rifiuti, oltre a 15 pneumatici, numerosi arredi da bagno e rifiuti ingombranti”.

Le maxi operazioni di bonifica (da Lido Conchiglie fino ai lidi alle porte della città, tra spiagge, pinete, strade e boschi vicini) si sono concluse al tramonto, quando i furgoncini forniti dalla Protezione civile di Gallipoli e da Clean-Up Tricase hanno portato via la gran parte dei rifiuti raccolti.

Nel video (realizzato dall’associazione “Amanti della Natura” di Ugento) alcuni momenti della giornata di pulizie

Fino a notte inoltrata, invece, i responsabili dell’evento hanno portato presso il parcheggio di Padula Bianca (luogo del raduno) quelli rimasti lungo le direttrici interessate dall’intervento. In mattinata i Comuni di Gallipoli e Sannicola hanno provveduto a smaltire il materiale. Anche le amministrazioni comunali, d’altronde, hanno accolto l’appello degli ambientalisti: tra gli intervenuti di ieri c’erano infatti anche alcuni rappresentanti istituzionali dei Comuni di Gallipoli, Sannicola e Galatone.

“E’ stato un pomeriggio pieno di gioia con centinaia di persone protagoniste della difesa del nostro territorio e del nostro Pianeta. È stata una prova di quanto può dare l’Associazionismo e il Volontariato – è il commento di un componente della delegazione neretina, l’ingegnere Pagliula – e soprattutto una speranza  per il futuro.Ritengo che questa sia la strada giusta se viene data una continuità all’entusiasmo e il lavoro di tante persone. È stato bello vedere tante persone che passando ci dicevano “bravi” e ci applaudivano”.

“L’interesse di tutte le associazioni, adesso, è continuare e portare avanti altre battaglie. Tutti chiedono che i Comuni intervengano di più – continua Zuccalà – destinando più risorse e incrementando i controlli. Sicuramente organizzeremo altri appuntamenti da qui a Natale, poi prevediamo un grande congresso per programmare meglio l’attività del futuro”.

Queste le 25 associazioni partecipanti: AMare pulito, Galatonesi a Raccolta, Paolo Pinto Gallipoli, Clean up Tricase, CleanUp Giorgilorio (Surbo), Legambiente Galatina, Amanti della Natura di Ugento, Pro loco Sannicola, Ambientalisti anonimi Maglie, PuliAmo il mare, Plogging Salento, Noi ambiente, Salento km0, Green march, Green wave, Accademia kronos, Ata pc Lecce, Pollicini Verdi, Scrap, Cycling & friends, Precious plastic, Lega navale Nardò, Attivisti stradaioli, Comitato ambiente e salute Sannicola, Galatone bene comune.