Cinema e teatri sempre chiusi? Da Taviano la proposta: “Facciamo i vaccini nelle sale”

395
Taviano – Il Multiplex Teatro Fasano di Taviano, saltata la tanto attesa riapertura delle sale ipotizzata in un primo momento per il 27 marzo propone di trasformarsi in punto vaccinale. «Piuttosto che restare chiusi, abbiamo deciso di “passare in prima linea” e ci rendiamo disponibili a dare una mano alla comunità puntando sull’accelerazione della campagna vaccinale, mettendo a disposizione gli spazi del Multiplex Teatro Fasano alle autorità e alle istituzioni predisposte all’individuazione di strutture che possono essere adibite ad hub vaccinali», scrive su Facebook il direttore Antonio Mosticchio.
Il Multiplex di Taviano dispone di una sala da 700 posti, “che può essere utilizzata per la fase di attesa pre e post vaccinazione, oltre ad un ampio foyer in cui possono essere dislocati i singoli punti vaccinali”, oltre a  tre piani di camerini sul retro del palco, muniti di servizi igienici.

La “disobbedienza civile” 

«Siamo convinti che solo uniti ce la faremo, e questo è il nostro contributo per aiutare tutta la nostra comunità a superare questa delicata fase. Vogliamo inoltre caricare questo gesto di una forte valenza simbolica: il cinema e il teatro possono essere ora intesi, oltre che luoghi di cultura, anche di rinascita e di ripartenza».
Risale allo scorso ottobre la decisione dello stesso Mosticchio, poi ritirata per “senso di responsbailità”, di rispondere ai provvedimenti di chiusura con la “disobbedienza civile”, sulla base del principio che “cinema e teatri che da sempre sono stati i luoghi più sicuri in quanto garantiscono il mantenimento della distanza di sicurezza, l’uso delle mascherine, il continuo ricambio di aria e la sanificazione dei posti a sedere».