Ciao Presidente

1191

Scendevano lacrime quel giorno in cui il cielo
coprì la sua luce sotto ad un velo,
un uomo morì quel giorno di maggio
un uomo i cui occhi trasmettevan coraggio,
coraggio di credere che la Fede fervente
sia il Dono più alto di Dio per la gente.
Lui umile in terra e beato nel cielo
Fu ardente e sincero testimone del Vero,
amante dei fichi che in campagna coglieva
comprava i formaggi e la Puglia egli amava,
brevi istantanee di una vita serena
ricordi mai spenti che in cuore portava.
I figli, la moglie, i nipoti, gli amici
furon per Aldo doni e sorrisi.
Il terrore quel dì con il suo oscuro lavoro
Uccise impietoso il dolce Aldo Moro.
Ancora oggi commossa piange la gente
Sussurrando un saluto
“Ciao Presidente!”.

Luca Imperiale – Sannicola

Pubblicità