Chirurgia dell’apparato digerente, l’ospedale “Panico” di Tricase fa scuola nel congresso on line

11349

Tricase – La Pia Fondazione di culto e religione “Cardinale Giovanni Panico – Azienda ospedaliera di Tricase” ha preso parte, il 19 e 20 novembre, ai lavori del 31° congresso di chirurgia dell’apparato digerente.

Gli organizzatori del congresso hanno voluto invitare l’ospedale “Panico” per condividere con la vasta platea di ospedali partecipanti, l’esperienza del centro salentino che ormai da tempo si è guadagnato il ruolo di centro di riferimento oncologico per i tumori dell’alto e del basso intestino e dei tumori epatobiliopancreatici.

Il congresso si è svolto totalmente on line con sessioni live da sale operatorie di tutta Italia e sessioni tematiche in forma di webinair. Le sessioni live da Tricase hanno riguardato l’esecuzione di interventi di chirurgia robotica di alta complessità del retto, del pancreas e dell’esofago. Giovedì 19 novembre sono stati eseguiti un intervento di resezione ileocecale laparoscopica in “sigle incision”, una duodenocefalopancreasectomia laparoscopica ed una resezione anteriore del retto basso laparoscopica. Il giorno seguente una emicolectomia destra con cme robotica, una esofagectomia secondo Ivor-Lewis con tempo addominale laparoscopico e tempo toracico laparoscopico, ed una colectomia subtotale laparoscopica.

Gli interventi sono tutti tecnicamente riusciti nel migliore dei modi ed i pazienti sono in buone condizioni per affrontare al meglio il recupero postoperatorio. Tutti gli interventi sono stati preparati ed effettuati nel blocco operatorio di alta complessità dell’ospedale Panico, nella nuova sala operatoria integrata inaugurata nel dicembre scorso, ed eseguiti personalmente dal professor Massimo Giuseppe Viola, direttore di Chirurgia generale coadiuvato dal suo staff di assistenti. Le attività di supporto anestesiologico sono state coordinate dal dottor Pierpaolo Ciocchetti direttore di Anestesia, Rianimazione e Terapia del dolore in collaborazione con la dottoressa Anna Teresa Margarito responsabile delle attività anestesiologiche del blocco operatorio di alta complessità.