Chiesa di Sant’Antonio: finalmente iniziano i lavori di risanamento

932

Gallipoli – Nel 50° della dedicazione della chiesa (il 23 dicembre) iniziano finalmente i lavori di ristrutturazione della chiesa Sant’Antonio di Padova a Gallipoli, parroco don Salvatore Leopizzi, sul lungomare Galilei. Gli interventi previsti e necessari che tardavano ad iniziare, stavano creando disagio e malumore tra i parrocchiani, costretti ad assistere alle funzioni con le impalcature all’interno della chiesa da un bel po’ di tempo e da qualche mese, in giorni di brutto tempo, pure con l’acqua piovana che cadeva sui banchi.

L’edificio versava infatti in grave stato di ammaloramento, avevano diagnostica i tecnici, sia lungo i muri perimetrali che sul lastricato solare. Ottenuto l’ok della Conferenza episcopale italiana, che ha stanziato coi fondi dell’8 per mille 908.838,06 euro, ora si risaneranno le parti danneggiate dal tempo sia della chiesa che dei locali della canonica, sostituendo integralmente l’impianto elettrico e quello di amplificazione, oltre che l’impianto idrico e sanitario e quello di riscaldamento.

Il tempo previsto per l’esecuzione dei lavori è di 325 giorni, secondo il contratto con la ditta incaricata. Sotto la supervisione dell’ingegnere Giorgio Rocco De Marinis (Ruffano), incaricato diocesano Bce (Banca centrale europea), il lavori saranno eseguiti dalla ditta Nicolì di Lequile: progettista e direttore dei lavori è invece il gallipolino Davide Di Girolamo, ingegnere.