Il gruppo del Cif Maglie

Maglie – Ogni anno, per l’8 marzo, il Centro italiano femminile (Cif) propone un tema su cui riflettere: quello scelto per il 2019 è “Che genere di democrazia”, dove il termine “genere” porta al nucleo essenziale del dibattito che, si spera, possa appassionare non solo le donne. Il tema generale viene tradotto a livello locale con varie iniziative e il Cif comunale di Maglie ne propone una che per lo strumento usato mira a coinvolgere un numero di donne e di esperienze sempre più ampio.

“Caliamoci nella rete” è infatti l’invito che per la settimana dell’8 marzo il Cif fa alle donne proponendo un uso “costruttivo” dei social. Una tastiera e la voglia di esserci ci rende tutti uguali? Per le donne essere forse numericamente più presenti sui social rispetto agli uomini è la nuova frontiera della parità di genere e di una raggiunta uguaglianza? A queste domande le ciffine rispondono che la democrazia dei social è apparente. È vero, la rete permette di far sentire la propria voce, ma alla libertà di essere presenti si contrappone la possibilità di essere molestati volgarmente e impunemente dietro lo schermo di anonimato e falsi profili (anche questa considerata libertà).

Maria Antonietta Ferramosca

Che genere di democrazia stiamo sognando? Da qui la proposta alle donne di “calarsi nella rete” e di raccontarsi: “Facciamo nostri gli aspetti positivi e per un giorno, l’8 marzo, facciamo che la rete sia per tutte le donne il luogo per raccontarci, incoraggiarci, sostenerci”, dicono le ciffine magliesi. Che cosa raccontare? “Tutto quello che fa parte del nostro personale percorso di democrazia: all’interno della famiglia, del mondo del lavoro, del nostro tempo libero. Quando ci siamo sentite ‘uguali’ o ‘quasi uguali’, quando pensiamo di avercela fatta e tutte le volte che abbiamo ricominciato daccapo senza scoraggiarci, quello che ci auguriamo per i nostri figli e figlie, insomma che ‘genere di democrazia’ tutte insieme stiamo sognando”.

Pubblicità

Gli interventi su Facebook. Da qui l’invito della presidente del Cif comunale, Maria Antonietta Ferramosca e di tutto il gruppo, rivolto ad associazioni, donne impegnate nel sociale (e anche uomini) a postare gli interventi sulla pagina Facebook del Cif Maglie con gli hashtag #cifmaglie8marzo #chegeneredidemocrazia #noicontiamo. Tutte le testimonianze raccolte saranno la base per un confronto pubblico nei prossimi mesi.

Pubblicità

Commenta la notizia!