Centro antiviolenza permanente sulle donne: lo ha deciso l’Ambito sociale di Maglie. A breve l’avvio degli interventi

1977

Maglie – Mai abbassare la guardia e puntare tutto sulla prevenzione. Sembra essere questo l’imperativo a cui obbedisce l’istituzione nell’Ambito territoriale sociale di Maglie di un Tavolo permanente antiviolenza di cui fanno parte rappresentanti di enti che conoscono a fondo il problema perché costretti ad affrontarlo quotidianamente. È stato già presentato in una conferenza giorni fa e a breve saranno  firmati protocolli tra i vari componenti.

Ne fanno parte: un referente dell’équipe violenza di genere, due referenti  per  l’ufficio scolastico provinciale, il centro antiviolenza Dafne, un referente  dei pediatri di libera scelta, dei medici di medicina generale, del distretto socio sanitario, dell’Ufficio servizio sociale minorenni, dell’ufficio di esecuzione penale esterna, il medico responsabile del Pronto soccorso di Scorrano. Parte integrante della rete, sempre presenti e attivi,
sono i carabinieri.

Sistema coordinato di interventi

L’obiettivo comune a tutti i componenti del Tavolo è definire un sistema omogeneo e coordinato di interventi per tutelare e accompagnare le donne nei percorsi di uscita dalla violenza di cui sono state vittime.

Il Tavolo è  l’ultimo in ordine di tempo degli interventi che sono stati presi nel corso degli anni contro la violenza di genere. Nell’ambito di Maglie che comprende i  Comuni di Bagnolo, Cannole, Castrignano dei Greci, Corigliano, Cursi, Giurdignano, Melpignano, Muro, Otranto, Palmariggi e Scorrano, è attivo dal 2011 il Servizio antiviolenza che si compone di un’équipe  contro la violenza di genere che si fa carico dei minori, del centro Dafne che si trova a Castrignano dei Greci ed è gestito dalla comunità San Francesco di Ugento, e della casa Rifugio Nazaret.

Il Centro Dafne

L’équipe contro la violenza di genere ha sede a Maglie presso l’Ufficio di Piano ed è composta da Francesca Lubelli, assistente sociale, Rita Cezza, psicologa psicoterapeuta Consultorio familiare Maurizia Sollazzo dell’Ufficio di servizio sociale per minorenni di Lecce ( info: tel 0836.489251 mail. equipevdg@libero.it)

Il Centro Dafne, attivo dal 2015, ha accolto 47 donne;  di queste 35  hanno intrapreso un percorso individualizzato di fuoriuscita dalla violenza, per  9 di loro si è reso necessario attivare un pronto intervento con relativa messa in sicurezza; 12 donne hanno beneficiato dei servizi offerti dal Centro (colloqui informativi, sostegno in fase di denuncia, esami testimoniali, pronto intervento e messa in sicurezza).

Percorsi educativi, interventi nelle scuole 

Sensibilizzazione nelle scuole Sono stati realizzati interventi in ambito scolastico attraverso il progetto “Facciamo la differenza. Percorsi educativi di prevenzione alla violenza di genere”. Il progetto ha interessato sette Istituti comprensivi, con l’attivazione di 14 percorsi formativi e informativi per genitori e docenti e 49 laboratori per alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado.

Altri interventi   Sono già attive presso l’Ambito con finanziamenti regionali borse alloggio per le donne vittime di violenza. Costante la sensibilizzazione sul territorio in collaborazione con le associazioni, Pronto soccorso, pediatri, forze dell’ordine, medici. Nel prossimo futuro prevista l’apertura di un Centro ascolto maltrattamenti, nato da un protocollo tra l’Ambito di Maglie, l’ufficio di esecuzione penale esterna e l’ufficio servizio sociale minorenni; tre sportelli antimobbing a Cannole, Muro e Otranto con finanziamento regionale dell’Ambito.