“Catene a bordo sulle strade del Salento?”, Minerva invita l’Anas a rivedere l’ordinanza

2538
Stefano Minerva

Lecce – L’Anas dipinge di bianco il Salento, immaginandolo a rischio strade innevate e ghiacciate e per questo con l’obbligo (per le Statali) di catene a bordo o pneumatici da neve, dal 15 novembre al 15 aprile, ed è il presidente della Provincia di Lecce a farsi carico delle “perplessità” di tutti gli automobilisti.

Invitando ad un “approfondimento” circa la determina emessa, il presidente Minerva ricorda (semmai ce ne fosse bisogno) che il Salento è caratterizzato “da situazioni climatiche che presentano unicamente condizioni di eccezionalità in un quadro ordinario di estrema tranquillità in ordine alle precipitazioni nevose”. In sostanza, nel Tacco d’Italia se non è “estate tutto l’anno” poco ci manca, e la neve resta un’eventualità al più desiderata dai bambini, che però spesso rimangono con il solo desiderio o al massimo qualche fiocco già sciolto al sole del mattino.

Scetticismo e proteste

Superata (seppur con difficoltà) la sensazione di trovarsi di fronte ad una “fake-news”, il coro unanime è che tale provvedimento, “precauzionale” oltre ogni evidenza, vada rivisto in toto. Nella nota inviata al ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Paola De Micheli, al ministro per gli Affari regionali e le autonomie Francesco Boccia, al presidente della Regione Michele Emiliano, al prefetto di Lecce Maria Rosa Trio e ad Anas, Minerva spiega che l’ordinanza in questione, “pur se inquadrata in una finalità connessa alla limitazione dei pericoli ed al conseguente miglioramento della sicurezza in tema di viabilità, ha fatto emergere, tra la sorpresa generale, una spontanea protesta di Enti ed Associazioni in merito al contenuto della disposizione”.

Ricordato il “contesto” climatico salentino (proverbialmente mite anche d’inverno, con nevicate che vanno ben oltre l’eccezionalità), Minerva si sofferma anche sui pericoli insiti nel richiedere agli automobilisti che percorrono le Statali indicate dall’Anas le catene a bordo ovvero gli penumatici da neve dal 15 novembre al 15 aprile: «Va rilevata la pericolosa eventualità che le limitazioni imposte su alcune importanti arterie stradali del territorio della Provincia possano, di fatto, produrre un effetto opposto su tutta una serie di strade provinciali sulle quali potrebbero riversarsi i cittadini per evitare sanzioni previste dal Codice della strada». Altro problema quello connesso al trasporto pubblico locale.

“Anas riveda la determina”

«Pertanto, facendomi carico delle numerose perplessità che mi sono state avanzate in questi giorni da parte di Sindaci e amministratori locali, chiedo un approfondimento ulteriore sulla suddetta determinazione adottata da Anas, in considerazione dell’impatto che avrà sull’utenza in primis e sulla viabilità provinciale in generale», conclude Minerva.