Caso Ivan Ciullo: fu suicidio o omicidio? Eseguita autopsia sul 35enne trovato morto quattro anni fa. Cambia l’ora del decesso

Per i legali della famiglia l'orario presunto della morte non sarebbe quello delle 18.30 ma tra le 22 e le 24

1670
Ivan Ciullo

Presicce – Acquarica – Si è svolta questa mattina presso la camera mortuaria del cimitero di Presicce-Acquarica l’autopsia sul cadavere di Ivan Ciullo, il giovane ritrovato senza vita il 22 giugno 2015 nella campagne di Acquarica del Capo.

L’esumazione del corpo è stata resa possibile grazie alla riapertura delle indagini disposta lo scorso 3 aprile (dopo due archiviazioni) dal Pm Maria Vallefuoco della Procura di Lecce su espressa richiesta dei legali della famiglia di Ivan (che hanno sempre sostenuto la tesi di un omicidio mascherato da suicidio). All’esame autoptico, svolto dai medici legali Francesco Introna e Alberto Tortorella, hanno assistito i periti della famiglia Giuseppe Panichi (esperto di medicina legale) e Roberto Lazzari (criminologo). Presenti anche gli avvocati di famiglia Walter Biscotti e Paolo Maci.

Per permettere di eseguire l’autopsia, il cimitero è rimasto chiuso al pubblico dalle 8 sino alle 14.30 circa. Tutto si è svolto senza intoppi ed in un clima di piena collaborazione tra le parti. Ora i periti avranno 90 giorni di tempo per presentare le loro conclusioni. Al termine dell’esame, i legali della famiglia hanno dichiarato che l’orario presunto della morte non sarebbe quello delle 18.30, come creduto finora, ma si collocherebbe tra le 22 e le 24.

Pubblicità

A quattro anni dalla morte, dall’esame si spera di trovare una risposta alle tante domande poste dai familiari del 34enne che mai hanno creduto all’ipotesi del suicidio, la sola emersa finora a livello processuale. L’unica ipotesi di reato al momento prevista è quella di istigazione al suicidio e l’unico indagato è lo stesso uomo già coinvolto nelle precedenti indagini, un 65enne (non di Acquarica) con il quale il ragazzo avrebbe instaurato un relazione “tormentata”.

(ha collaborato Daniela Casciaro)

Pubblicità