Casarano, ospedale a misura di bambino: l’arte colora il reparto di pediatria

1573

Casarano – Rendere più accoglienti, familiari e “umani” i freddi ambienti ospedalieri è uno dei principali obiettivi dell’associazione “Cuore e mani aperte Odv”, che per questo motivo ha commissionato alla healthcare designer Sally Galotti un’opera di “umanizzazione pittorica” per il Day service pediatrico di Diabetologia ed Endocrinologia dell’ospedale “Ferrari” di Casarano.

Le pareti del reparto sono così state dipinte con colori vivaci e disegni fiabeschi, per aiutare i piccoli pazienti a vivere in maniera più distesa la permanenza in ospedale.

Favole sulle pareti

La cerimonia di consegna dell’opera si terrà giovedì 7 gennaio, alla presenza di monsignor Fernando Filograna, arcivescovo della diocesi di Nardò-Gallipoli; Ottavio De Nuzzo, Sindaco di Casarano; don Gianni Mattia, presidente di “Cuore e mani aperte OdV”; Gabriella Creti e Luigi De Santis, rispettivamente direttore sanitario e amministrativo dell’ospedale “Ferrari”; Alessandro Tronci e Giuliana Cardinale, direttore responsabile e dirigente medico dell’ambulatorio pediatrico.

Il lavoro dell’artista Sally Galotti viene così raccontato dal presidente di “Cuore e mani aperte”: “Con tonalità accese e vive ci ha catapultati in un mondo fantastico dove gli animaletti della foresta diventano amici con i quali condividere le giornate. Con un piccolo salto si può entrare in quel mondo di fantasia e ritrovarsi a raccogliere fiori con il signor Riccio, fare il bagnetto con una simpatica famiglia di fenicotteri o imparare a coltivare piante e ortaggi circondati da uccellini e scoiattoli curiosi”.

Sentirsi un po’ più a casa, seppur in ospedale

Non si può ascoltare il pianto di un bambino senza desiderare asciugare le sue lacrime – prosegue don Gianni Mattia.– I bambini dovrebbero solo conoscere la gioia e vivere ogni loro desiderio, dovrebbero credere nelle favole e riconoscere la magia che li circonda. E invece in questa realtà che alle volte ci è così difficile accettare, i bambini devono farsi carico troppe volte di un dolore che dovrebbe essere loro estraneo. In tutti questi anni di clownterapia, insieme ai miei meravigliosi 400 volontari, abbiamo imparato da questi  bambini, che erroneamente definiamo fragili, un’incredibile forza e volontà di vivere”.

Attraverso i loro occhi tutto diviene più bello, anche quei luoghi adibiti alla cura che noi adulti alle volte percepiamo come oppositivi e a noi estranei – aggiunge don Mattia. – Pareti bianche spoglie che non sanno parlare di speranza, ma che in sé celano un mare di possibilità, perché su di una parete bianca ciascun bambino può sognare un mondo colorato che gli dia forza e speranza”.

Ringraziamo l’associazione ‘Cuori e Mani Aperte’ – è il commento del dott. Tronci –, nella persona di don Gianni Mattia e dell’infaticabile signor Franco Russo, per la sensibilità che come sempre dimostrano nei confronti dei bambini, soprattutto nei confronti di coloro che combattono quotidianamente con i problemi delle condizioni patologiche croniche, quali il diabete, le endocrinopatie, l’epilessia. Rendere accoglienti gli ambienti, e soprattutto trasformarli a misura di bambino, fa in modo che, venendo spesso in ospedale per i controlli, ognuno di loro possa sentirsi un po’ come a casa propria. E un grazie speciale a Sally Galotti”.