Nardò – Cartelle Tari ed errori sul pagamento a Nardò. Sono circa 5.550 le cartelle di pagamento della Tari che l’Agenzia delle entrate sta notificando ai contribuenti morosi della città. In merito è la Bianco igiene ambientale srl, in qualità di società affidataria del servizio di supporto per conto del Comune, ad intervenire per precisare che le cartelle, già inviate (dallo scorso novembre) o in corso di notifica, sono relative agli anni tra il 2014 e il 2017. 

«Tali cartelle sono emerse a seguito di controlli automatizzati effettuati dall’ufficio Tari di Nardò», si legge in una nota. Ad oggi ne sono state notificate circa un terzo del totale e la società mette in guardia i contribuenti su alcuni errori nelle operazioni di pagamento che non permettono (come accaduto sinora per 130 cartelle) l’aggancio con l'”applicativo dei tributi”.
In particolare si chiede di verificare l’esattezza, da parte degli intermediari ossia operatori bancari, postali, tabacchi e altri punti convenzionati, del codice dell’Ente che deve essere F842.
Vengono poi riscontrati errori di digitazione dello stesso “codice ente” anche da parte dei contribuenti che pagano F24 con home banking. 
Altri disguidi per versamenti effettuati dopo l’emissione della cartella di pagamento o versamenti eseguiti con codice fiscale diverso dall’intestatario del modello F24.
In ogni caso – fanno sapere dalla Bianco srl – il contribuente che riceve una cartella per un pagamento già effettuato può rivolgersi all’Ufficio Tari presso gli uffici di via dei Bernardini 83 a Nardò (mail: tributi.tari@comune.nardo.le.it) per chiedere chiarimenti e istruzioni sul procedimento da seguire. Dallo scorso anno, inoltre, per evitare tali errori, il Comune di Nardò ha predisposto il pagamento della tari con conto corrente postale tramite bollettini TD896 a lettura ottica.
Pubblicità

Commenta la notizia!