Carpignano Salentino, per le elezioni si rinnova la sfida di 5 anni fa tra Paolo Fiorillo e Mario Bruno Caputo

1542

Carpignano SalentinoCarpignano Salentino – Per le Amministrative del 26 maggio si rinnova a Carpignano la sfida di cinque anni fa tra Paolo Fiorillo e Mario Bruno Caputo, quando l’affermazione del primo sull’avversario avvenne sul filo di lana, per soli 16 voti.

I due candidati Sindaco si ripresentano ora con due liste che portano gli stessi nomi di quelle già presentate nella scorsa campagna elettorale: “Progetto democratico – democrazia, solidarietà, progresso” è la lista capeggiata dal Sindaco in carica Paolo Fiorillo, che cerca la riconferma; “Libertà e democrazia” quella guidata invece da Mario Bruno Caputo. Sono tutte e due liste giovani (età media 40 anni), quella di Fiorillo dell’area di centro-sinistra, composita quella di Caputo.

Paolo Fiorillo
Paolo Fiorillo

“Progetto democratico” presenta i candidati consiglieri: Lucia Antonazzo, Luca Blasi, Omar Cafaro, Salvatore Cancelli, Martino Colaci, Ivan D’Autilia, Siriana De Lumè, Roberto Mangia, Eleonora Rinaldi, Daniele Rubichi, Alberto Simione, Gaetano Tremolizzo.

«Ci proponiamo di rinnovare nella continuità e di rafforzare quello che abbiamo fatto nella passata legislatura» dice il candidato sindaco Paolo Fiorillo, 43 anni, commercialista. «Con la squadra rinnovata per un terzo rispetto alla competizione del 2014 – continua – pensiamo di rilanciare la crescita del paese puntando alla pianificazione del territorio: particolare attenzione, quindi, ai progetti già avviati, all’ambiente, alle opere pubbliche e alle politiche sociali». Andare avanti sulla linea già tracciata, quindi, per la squadra che cerca il rinnovo del consenso dei cittadini.

La lista “Libertà e democrazia” schiera: Giuseppe Antonazzo, Federico Bianco, Mario Bruno Calò, Vincenzo Decimo, Paola Esposito, Giorgio Fontanas, Antonio Longobardi, Antonio Montinaro, Federica Petrachi, Salvatore Rizzello, Giulio Rocco Schito, Selenia Serra.

Mario Bruno Caputo
Mario Bruno Caputo

Mario Bruno Caputo , 47 anni, avvocato, presenta così l’impegno per la rinnovata sfida: «Dopo cinque anni di opposizione durissima nei confronti dell’amministrazione uscente, di cui non ci siamo mai stancati di sottolineare l’assoluta inconsistenza e dannosità, ci è sembrato nient’altro che doveroso verso i nostri concittadini riproporci per infondere loro coraggio, speranza, ottimismo e voglia di reagire rispetto al costante declino delle nostre comunità. Ci riproponiamo, dopo cinque anni, parzialmente rinnovati nelle candidature, ma con lo stesso indomito spirito, per guidare la rinascita e infondere fiducia, coraggio, senso di appartenenza, voglia di fare e di cambiare lo stato delle cose». Macchina amministrativa da rendere efficiente, attenzione alle opere pubbliche, all’ambiente e alla difesa del territorio, politiche sociali da incentivare, turismo e cultura, sviluppo e attività produttive  i punti salienti che vengono esplicitati nel programma.