Capo di Leuca, il “Patto locale per la lettura” coinvolge scuole, Comuni e associazioni

594

Presicce Acquarica – Il “Patto locale per la lettura” del Capo di Leuca è stato al centro dell’incontro che si è svolto domenica 1 marzo presso il Palazzo Ducale di Presicce- Acquarica. «Questo progetto rimette finalmente al centro delle politiche pubbliche il ruolo delle biblioteche e la promozione dei libri e della lettura», afferma Vincenzo Santoro, responsabile del dipartimento cultura e turismo Anci e direttore culturale del progetto.

Gilberto Floriani, direttore del Sistema bancario vibonese, nel suo intervento, ha spiegato ai presenti com’è possibile gestire un “sistema bibliotecario complesso” partendo dall’esperienza dell’istituto di Vibo Valentia sorto nel 1988, con il coinvolgimento di vari comuni, per offrire agli utenti una biblioteca multimediale finalizzata al prestito e alla consultazione di libri, riviste e documenti multimediali.

La scuola di Salve-Morciano-Patù è capofila

Presente all’incontro anche Veronica Laterza (di Parabita), dirigente dell’istituto comprensivo di Salve, Morciano e Patù capofila del progetto “Polo delle biblioteche scolastiche” che persegue come obiettivo quello di dotare gli Istituti scolastici di strumentazioni tecnologiche e arredamenti adeguati. «Siamo convinti – ha affermato la docente – che favorire e implementare una rete di relazioni tra i soggetti operanti nel campo della promozione della lettura possa consolidare un sistema culturale indispensabile alla crescita e alla formazione dei nostri ragazzi».

Anche privati e associazioni hanno contribuito con una serie di idee ed esigenze emerse da alcuni incontri avvenuti nei giorni precedenti ed esposte da Elisa Maggio (di Salve), operatrice culturale del Capo di Leuca, che ha affermato: «La biblioteca comunale deve tornare ad essere il centro della vita culturale del paese, il luogo in cui ragazzi e famiglie possono incontrarsi e confrontarsi. È emersa l’esigenza di un’apertura più consapevole delle strutture. Quelle attualmente funzionanti, infatti, sono aperte quando la maggior parte delle persone sono a lavoro o impossibilitate a frequentarle».

Presenti all’incontro anche alcuni amministratori dei Comuni coinvolti nel progetto che sono Alessano, Castrignano del Capo, Corsano, Gagliano del Capo, Morciano di Leuca, Patù, Presicce-Acquarica, Salve, Specchia e Tiggiano coordinati dall’associazione Narrazioni di Alessano (soggetto capofila) presieduta da Andrea Cacciatore (di Alessano).