Calcio, primo gol in Serie B per Marco Rosafio: esulta la sua Patù

1279
Patù – Segna il suo primo gol in serie B il giovane attaccante del Cittadella Marco Rosafio, originario di Patù. È stato lui a realizzare la rete del vantaggio dei veneti sul campo del Cosenza, dopo solo sette minuti dal fischio d’inizio. La partita, valida per la terza giornata del campionato cadetto, si è poi con conclusa con un pareggio per 1-1 ma senza spegnere l’entusiasmo di Rosafio e dei suoi tifosi, a iniziare da quanti lo seguono dalla sua Patù.
«Non sono in grado di descrivere la felicità che provo. Aspettavo questo gol da molto tempo, l’ho pensato, ho desiderato, l’ho cercato. La voglia di riuscirci era talmente tanta – ha affermato il giovane attaccante – che quando la palla è entrata in rete non riuscivo a crederci. Una sensazione bellissima e inspiegabile. È bello sapere che qualcuno crede in te – conclude Marco – per questo dedico questo primo gol alla mia famiglia, ad una persona che non posso menzionare e a alla mia Patù».

L’entusiasmo del giovane calciatore

Nato a Chur, in Svizzera, Marco si è trasferito giovanissimo a Patù, dove attualmente vive la sua famiglia. Ha esordito come giocatore professionista nelle giovanili del Lecce e da lì altre esperienze con Juve Stabia, Forlì, Viareggio, Monopoli e Messina, ed ora è in serie B con il Cittadella.
«Avevo promesso a mio padre e alla mia famiglia che avrei lottato per raggiungere la serie B ripagandoli tutti i sacrifici che hanno fatto per permettermi di proseguire la carriera calcistica», aveva affermato il calciatore in una precedente intervista rilasciata a Piazzasalento, precisando come il suo girovagare in diverse città non aveva mai indebolito il legame con il suo paese d’origine. Un legame largamente corrisposto tantoché il 5 gennaio 2020, l’Amministrazione comunale di Patù lo ha premiato facendolo rientrare tra le “eccellenze” che si sono distinte per impegno sportivo.