Calcio e violenza a Casarano: 16 Daspo

1629

Calcio e violenza a Casarano. Tutti negativi gli ultimi episodi legati alla squadra di calcio. Oltre a perdere quota in classifica e a dover registrare le dimissioni del “patron” Filograna, ora arrivano anche le intemperanze di alcuni pseudo tifosi. Un gruppo di teppisti nel pomeriggio di ieri ha interrotto l’allenamento della squadra al “Capozza” lanciando contro i giocatori addirittura alcune bombe-carta, ed alcune sedie. I facinorosi si sono poi dileguati all’arrivo delle forze dell’ordine. Intanto proprio ieri il questore di Bari, Antonio De Iesu, ha emesso 16 Daspo nei confronti di altrettanti tifosi ritenuti responsabili degli episodi di violenza dello scorso 21 febbraio a Canosa in occasione della partita contro il Barletta. Tra di loro anche un recidivo che, pur non potendo neppure essere presente nella sede della gara perché colpito da un precedente provvedimento con obbligo di firma in questura, ha addirittura tentato di forzare l’ingresso dello stadio “San Sabino” di Canosa. Le indagini su quanto accaduto sono state condotte dal Commissariato di Polizia di Barletta e dalla Compagnia dei Carabinieri di Casarano.

In quella circostanza, tra i tanti tifosi accorsi per sostenere la squadra, un gruppo (“quasi tutti ubriachi”, secondo la ricostruzione delle forze dell’ordine, fatta anche con l’ausilio delle telecamere di videosorveglianza) tentò di venire in contatto con la fazione opposta: una volta “dirottato” nel settore ospiti, diversi tifosi tentarono di forzare l’ingresso senza biglietto arrivando a sfondare anche un cancello. A condire la situazione giunge anche la decisione del Giudice sportivo di Eccellenza che ha disposto la disputa a porte chiuse ed in campo neutro a Toritto della gara in trasferta di domenica 3 aprile contro il Bitonto.  Da ricordare come lo stesso ex presidente Eugenio Filograna alla base della sua decisione di mollare riferì “minacce e offese” ricevute da dirigenti e atleti. A reggere le sorti della società sportiva c’è ora, nelle vesti di amministratore unico, Cosimo Bellisario.