Calano contagi e ricoveri (anche nel resto d’Italia), chiudono man mano i reparti Covid

619

Gallipoli – A soffrire in terapia intensiva in Puglia sono rimasti in venti, dopo che ne è uscito uno nelle ultime 24 ore. Non sono più in isolamento altri 56 casi clinici, che ne lasciano in casa ma senza contatti altri 1.583 di cui si dovrebbero occupare le Usca, Unità speciali di continuità assistenziale, di cui ci sono tracce sono in quattro realtà del Barese.

Sono stati dimessi dagli ospedali Covid 19 in sei (in corsia ancora in 236). I guariti dall’attacco del Coronavirus sono 2.096, dopo che se ne sono aggiunti ben 69. I decessi oggi restano fermi a 478. I casi attuali di positivi sono inoltre 1.839 per un totale dall’inizio della epidemia di 4.413.

I reparti specializzati si svuotano

Dagli ultimi test effettuati, su 1.649 tamponi sono risultati positivi al virus in sette (di cui quattro a Bari). Con la curva in continua discesa di contagi e ricoveri, i reparti ospedalieri a ciò dedicati cominciano a svuotarsi sempre più consistentemente.

Ieri è stata la volta del padiglionre Asclepios, uno dei primi presidi anti Covid di Puglia, in seno al Policlinico di Bari con 25 posti letto. Attualmente sono 22 le persone ancora ricoverate. Quelle curate sono state finora 350 circa, comprese alcune provenienti dalla Lombardia. Altre chiusure di reparti al “Moscati” di Taranto.